rotate-mobile
Cronaca

Università, pubblicato il bando per il dottorato: 300 posti a disposizione, dei quali 266 con borsa di studio

L’Ateneo conferma l’attenzione per la formazione dottorale, un valore aggiunto a livello personale e ai fini dell’inserimento lavorativo di alto profilo

Sono 300 i posti di dottorato di ricerca messi a bando dall’Università di Pisa a partire da venerdì 8 luglio, dei quali 266 con borsa di studio, nell'ambito dei 25 dottorati che hanno l’Ateneo come sede amministrativa. Il bando è consultabile all’indirizzo: https://www.unipi.it/concorsodottorato, e con la sua pubblicazione parte la campagna di comunicazione 'Un passo in avanti' (unipi.it/dottoratoXXXVIII), a cura del Centro per l’Innovazione e la Diffusione della Cultura (CIDIC), che pensata per il web e i social vuole sottolineare il valore aggiunto rappresentato dal dottorato di ricerca sia per il proprio percorso formativo, sia ai fini dell’inserimento nel mondo del lavoro.

Una metà dei corsi di dottorato proposti dall’Università di Pisa riguarda temi a forte vocazione scientifico-tecnologica, mirati agli ambiti della transizione digitale e ambientale e dell'innovazione per la pubblica amministrazione e il patrimonio culturale. Altrettanti, più orientati alla ricerca applicata e con l'obiettivo di potenziare competenze di alto profilo in ambito industriale, vedono il contributo e il coinvolgimento diretto delle imprese nel percorso formativo, tramite un periodo di almeno sei mesi che i dottorandi potranno trascorrere in azienda, creando i presupposti per una loro collocazione futura di alta specializzazione.

"Fare un dottorato all’Università di Pisa - ha commentato la professoressa Marcella Aglietti, delegata per il Dottorato di Ricerca - significa ben più che ricevere una borsa. L’Ateneo, che al momento conta poco meno di mille dottorandi iscritti, rivolge da anni un’attenzione particolare alla formazione dottorale, anticipando molti dei requisiti già contemplati dai più qualificati standard internazionali. In particolare, offre un ampio ventaglio di iniziative mirate (dall’articolata didattica trasversale e soft skills rivolte all’acquisizione di competenze informatiche, statistiche e linguistiche, alla dimestichezza con la progettualità europea, l’imprenditorialità e il trasferimento tecnologico, fino all’Open Science) che sono ormai indispensabili per qualunque profilo intenda inserirsi nel contesto della ricerca italiano ed europeo, pubblico e privato". "In più - ha aggiunto la professoressa Aglietti - l’Ateneo pisano mette a bando ogni anno finanziamenti straordinari per favorire e sostenere la crescita accademica e professionale dei dottorandi, le potenzialità dei loro progetti di ricerca e le opportunità di sviluppo futuro. Risorse aggiuntive sono infatti conferite su base competitiva per l’organizzazione di convegni scientifici e workshop altamente specializzati, premi per le miglior tesi dottorali, bandi ad hoc per la mobilità all’estero ed eventi dedicati a promuovere i risultati della ricerca e lo scambio delle conoscenze".

L’offerta dottorale dell’Università di Pisa per il 38° ciclo contempla anche la partecipazione ad altri 11 dottorati in convenzione, che saranno banditi dalle università capofila, e a 12 dottorati di interesse nazionale, uno alla sua seconda edizione e con sede pisana, l’ormai celebre dottorato in Intelligenza artificiale, e gli altri a cui l’Ateneo partecipa con propri curricula: 'Sviluppo sostenibile e cambiamenti climatici', 'Studi religiosi', 'Scienze del patrimonio', 'Theoretical and Applied Neuroscience', 'Cybersecurity', 'Robotica e macchine intelligenti', 'Space Science and Technology', 'Learning Sciences', 'Blockchain', 'Micro and Nano Electronics' e 'Autonomous System'.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Università, pubblicato il bando per il dottorato: 300 posti a disposizione, dei quali 266 con borsa di studio

PisaToday è in caricamento