rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Cronaca Cascina

Cascina, raccolta porta a porta: da aprile i rifiuti si lasciano davanti casa

La nuova modalità di raccolta servirà ad aumentare la percentuale di differenziata: si calcola che dall'attuale 40,20% si passerà al 75%. L'eliminazione dei cassonetti migliorerà inoltre il decoro urbano

Dal 2 aprile 2013 inizierà il nuovo servizio di raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta a Cascina capoluogo e nelle frazioni di Latignano, Marciana e via di Corte. Tra giugno e luglio 2013 è prevista l’introduzione del porta a porta anche nelle zone a sud della ferrovia e in autunno l’estensione a tutto il resto del territorio cascinese. A spiegare le modalità del servizio sono stati stamattina in conferenza stampa Giorgio Catelani, assessore all'ambiente di Cascina, e Paolo Marconcini, presidente di Geofor.

I MATERIALI RACCOLTI. A Cascina la raccolta differenziata domiciliare porta a porta si svolgerà per quattro tipi di rifiuti: l’organico, il multimateriale, la carta e l’indifferenziato. Il vetro continuerà ad essere raccolto con le campane ai margini delle strade, con circa 200 nuove campane, verdi, che saranno collocate su tutto il territorio comunale. Il calendario delle raccolte prevede il lunedì e il giovedì l’organico, il martedì il multimateriale, il mercoledì la carta, il venerdì l’indifferenziato. Da maggio a settembre l’organico sarà raccolto a domicilio anche il sabato. 

ASSEMBLEE CON I CITTADINI. Per illustrare al meglio la nuova organizzazione del servizio, il Comune e Geofor hanno organizzato sei assemblee cittadine per informare sulle modalità della raccolta. Durante le assemblee sarà possibile anche fare domande ai tecnici per esporre le proprie esigenze e richiedere chiarimenti. Le assemblee pubbliche si terranno, con congruo anticipo, anche nelle altre zone del Comune dove il porta a porta sarà esteso nel corso dell’anno.
Ecco di seguito il calendario delle assemblee che riguardano la zona di Cascina, Marciana e Latignano, la prima a partire: martedì 5 febbraio ore 21 a Latignano, presso la sala parrocchiale, in via Risorgimento 15; giovedì 7 febbraio ore 21 a Marciana, presso il circolo Arci, in piazza della Concordia 51; martedì 12 febbraio alle 21, a Cascina, presso l’auditorium dell’istituto 'Pesenti', in via Aldo Moro 6; venerdì 15 febbraio alle 21, a Cascina, presso la palestra della scuola primaria 'Ciari', in via Galilei 1; giovedì 21 febbraio ore 21, a Cascina, presso la biblioteca comunale in viale Comaschi 67; martedì 5 marzo alle 21, a Cascina, presso il teatro Politeama, in via Tosco Romagnola 656.

IL KIT PER IL PORTA A PORTA. Nel mese di marzo sarà consegnato dagli operatori Geofor il materiale necessario alla raccolta: sacchi, contenitori, calendario di raccolta e pieghevole informativo. Gli operatori saranno dotati di apposito tesserino di riconoscimento e la consegna del materiale è completamente gratuita. Ecco come sarà composto il kit per le utenze domestiche: 200 sacchi biodegradabili per la raccolta dell’organico; 50 sacchi per la raccolta della carta; 1 pattumiera marrone per la raccolta dell’organico; un mastello da 25 litri marrone per l’organico; un mastello da 25 litri grigio per la raccolta dell’indifferenziato; un mastello da 40 litri celeste per la raccolta del multimateriale; una borsa verde per raccogliere il vetro da portare alle campane.

PERCHE' LA RACCOLTA PORTA A PORTA. Innanzi tutto per aumentare la raccolta differenziata. Il porta a porta è il sistema più efficiente per incrementarla. La legge ha fissato l’obiettivo molto ambizioso del 65%. Conseguirlo consentirà di risparmiare soldi e di evitare penali (come l'aggravio dell'eco-tassa). Secondo i dati forniti da Geofor, con il porta a porta a regime, è altamente probabile che l’attuale 40,20% di raccolta differenziata di Cascina possa assestarsi, a fine 2013, ben oltre il 75%. Un dato importante vista l’estensione del Comune, che permetterà anche un innalzamento della percentuale di raccolta differenziata dell’intera area pisana.

In secondo luogo, per avere un ambiente migliore. Una maggiore raccolta differenziata significa recuperare beni che possono essere riciclati e riutilizzati, un minore spreco di risorse naturali, ridurre drasticamente il carico dei rifiuti indifferenziati che vanno a finire nelle discariche o nei termovalizzatori.

In terzo luogo per aumentare la qualità del servizio di gestione dei rifiuti. Il porta a porta è un servizio più vicino al cittadino e più attento ai suoi bisogni: si pensi solo ai benefici che potranno godere ad esempio gli anziani e le persone con difficoltà fisiche, che non dovranno più attraversare la strada, ma depositare i rifiuti davanti alla propria abitazione.

In quarto luogo per avere Cascina ancora più bella. L’eliminazione dei cassonetti dalle strade contribuirà a migliorare il decoro urbano. Si recupereranno spazi comuni e le strade saranno più pulite.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cascina, raccolta porta a porta: da aprile i rifiuti si lasciano davanti casa

PisaToday è in caricamento