Cronaca

Da La Rotta ad Amatrice nel ricordo di Sara Campinotti

La famiglia della ragazza morta in un incidente stradale, insieme al Comune di Pontedera, ha effettuato una raccolta fondi devoluta in beneficenza

L’8 maggio scorso Sara Campinotti ha perso la vita in un incidente stradale a soli 27 anni. La sua scomparsa è un grande dolore che ha attraversato la comunità di La Rotta, dove Sara viveva, e tutto il Comune di Pontedera. I genitori, la sorella, gli zii, i parenti ed i tantissimi amici che Sara aveva si sono stretti in un dolore incredulo e composto. Sara, come la dipingono le persone a lei più vicine, era una ragazza solare, sensibile e spensierata e speciale come pochi per chi ha avuto la fortuna di conoscerla veramente. La sua risata contagiosa e il suo stupendo sorriso erano sempre accompagnati dalla sua profonda generosità che dispensava in famiglia e con gli amici nell’essere presente per tutti, donando, convinta che fosse il gesto più naturale, sentendolo forte e dentro al suo animo.

Il 14 luglio 2019 Sara si recò ad Amatrice con il gruppo dei motociclisti del raduno 'Invaderemo Amatrice' in sella alla sua prima moto. Da questo viaggio Sara era rimasta molto colpita dalla devastazione e dalla distruzione presente in quei luoghi. Le sue parole esatte furono "la verità è che tra mille rombi siamo rimasti tutti in silenzio". Grazie alla famiglia è stata organizzata una raccolta fondi in ricordo di Sara, in memoria della sua sensibilità e della voglia di intraprendere di nuovo quel viaggio in moto. Così, la famiglia accompagnata dal gruppo degli amici di Sara e dalla rappresentanza del Comune di Pontedera, tra cui il vicesindaco Alessandro Puccinelli ed il consigliere Marco Salvadori, il 12 giugno 2021 hanno intrapreso quel viaggio nei luoghi distrutti di Amatrice per portare personalmente la donazione raccolta, recandosi presso l’Istituto Onnicomprensivo 'Sergio Marchionne', simbolo di solidarietà e della rinascita di un paese ferito.

sara campinotti pontedera

Le montagne e il bellissimo panorama del luogo fanno da sfondo ad aule, palestra, convitto di questa grande struttura realizzata grazie proprio alla donazione del 2016 dello stesso Marchionne. Accolti dalla Dirigente dell’Istituto, la professoressa Carla Parolari e dall’assessore Giambattista Paganelli in rappresentanza dell’amministrazione comunale di Amatrice, la famiglia e tutti i partecipanti hanno potuto far parte di un commovente incontro, pieno di significati nel ricordo di Sara e nel racconto della vita quotidiana nelle zone terremotate.

"Anche oggi Sara è qui accanto a noi", le parole dell’assessore Giambattista Paganelli, di fronte a lui una sedia lasciata casualmente vuota, come ad indicare davvero la presenza costante di Sara che ha fatto sentire tutti uniti, attorno al senso bellissimo e profondo di quell’incontro. Il ricavato della somma raccolta sarà a disposizione dell’Istituto per il mantenimento della struttura e per le varie iniziative promosse per accoglier il maggior numero di studenti, con l’augurio che gli abitanti tornino a popolare un paese che piano piano sta risorgendo. La famiglia e gli amici desiderano ringraziare tutti coloro che con il proprio contributo hanno dimostrato la loro vicinanza e solidarietà all’iniziativa intrapresa nel nome di Sara.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da La Rotta ad Amatrice nel ricordo di Sara Campinotti

PisaToday è in caricamento