Solidarietà: 650mila euro di donazioni per gli ospedali toscani

La campagna è stata lanciata nei giorni scorsi dalla Regione tramite Estar. I soldi raccolti verranno utilizzati per acquistare ventilatori polmonari e mascherine per il personale sanitario

Sono già oltre 650mila euro le donazioni raccolte grazie alla campagna di solidarietà 'Sostieni gli ospedali toscani' promossa dalla Regione tramite Estar (Ente di supporto tecnico amministrativo regionale) per fronteggiare l'emergenza sanitaria. Con questa prima tranche di donazioni saranno ordinati da Estar 12 ventilatori polmonari da destinarsi agli ospedali toscani (4 per ogni Area vasta) in arrivo nelle prossime settimane, 50.000 mascherine FFP2 per gli operatori sanitari e in distribuzione nei prossimi giorni a tutte le Asl toscane.

Dall'inizio della campagna le donazioni sono più di 2.000, piccoli e grandi contributi, che testimoniano la generosità di un intero territorio, pronto a mobilitarsi per aiutare chi è messo a dura prova da un'epidemia senza precedenti. Sono stati in tanti a mobilitarsi, nel pubblico come nel privato, da soli o insieme ad amici e colleghi: cittadini, associazioni di volontariato, gruppi sportivi e culturali, onlus, federazioni di varie categorie, piccole e medie imprese, intere classi di studenti, organizzazioni politiche, consigli comunali, e tanti altri ancora, tutti fortemente motivati nel sostenere una causa che unisce contro un nemico comune, chiamato Covid-19.

"In questi giorni difficili per tutti, la Toscana sta rispondendo con grande generosità e altruismo. Siamo di fronte a un moto inarrestabile di solidarietà che accogliamo con gratitudine, ringraziando di cuore i nostri donatori, che con il loro gesto testimoniano la propria vicinanza agli operatori sanitari, che ogni giorno combattono in prima linea contro il Coronavirus, cercando di salvare più vite umane possibili - ha dichiarato l'assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi. Tutti quanti insieme stiamo dando il massimo, perché condividiamo lo stesso desiderio, quello di uscire quanto prima da questa emergenza. Non verremo meno al nostro impegno. Continueremo a lavorare per tutelare al meglio la salute dei cittadini e di coloro che, a vario titolo, sono i primi a esporsi per aiutare chi è in difficoltà".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In questo periodo di grave emergenza sanitaria, Estar ha, dunque, messo a disposizione dell'intero sistema sanitario toscano un proprio numero di conto corrente bancario (IBAN: IT89 Z 05034 02801 000000005970) dedicato alla raccolta di fondi, destinati all'acquisto di farmaci, dispositivi di protezione individuale, attrezzature sanitarie utili a fronteggiare il Covid-19. Il materiale acquistato (mascherine chirurgiche, mascherine FFP2 e FFP3, camici, tute, visiere, occhiali, guanti, gel per disinfezione mani, letti, ventilatori e altro ancora) sarà distribuito alle aziende sanitarie secondo il loro fabbisogno e le indicazioni della Regione, assicurando la massima trasparenza nelle procedure di assegnazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana, nuovo picco: 2.765 positivi, 326 a Pisa

  • Coronavirus in Toscana: più di 1.800 i nuovi casi, 5 decessi a Pisa

  • Coronavirus in Toscana, casi positivi in aumento: superata quota 2mila in 24 ore

  • Cisanello, ambulanze in fila per l'area Covid: "In piena fase emergenziale, serve la collaborazione di tutti"

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Coronavirus in Toscana: 1.526 nuovi casi e 11 decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento