Cronaca

Ricorso a Mattarella contro le ordinanze antidegrado: già raccolti 1300 euro

Una cifra pari al doppio di quella necessaria per il ricorso contro i provvedimenti della Lega. Danti: "Useremo gli altri soldi per le spese legali. Grazie a tutti"

Dario Danti seduto sul colonnato della chiesa

Sta andando decisamente a gonfie vele la campagna di raccolta fondi promossa da Dario Danti per il ricorso al presidente della Repubblica contro le ordinanze antidegrado dell'amministrazione comunale di Pisa, che prevedono, tra le altre cose, il divieto di sedersi sui gradini delle chiese e per strada. Fu proprio l'insegnante del liceo 'Dini', con un trascorso come assessore alla Cultura nella Giunta Filippeschi, a prendere una multa in piazza dei Cavalieri per essersi seduto sul colonnato della Chiesa di Santo Stefano. Da qui una 'battaglia' per convincere il sindaco a ritirare l'ordinanza, un dietrofront che non c'è stato e così Danti è andato diritto per la sua strada presentando ricorso al presidente Mattarella.
Appena una settimana fa aveva lanciato la raccolta fondi per raggiungere i 650 euro necessari per coprire le spese, un obiettivo praticamente più che raddoppiato, visto che sono quasi 1300 al momento gli euro raccolti.

"Con 650 euro pagheremo il contributo unificato - spiega Danti - gli altri soldi serviranno per le spese legali, per il ricorso al Giudice di Pace quando ci notificheranno la multa e per contribuire all’organizzazione delle lezioni in piazza promosse dagli studenti. Naturalmente documenteremo tutto nel dettaglio. Grazie ancora a tutte e tutti noi che abbiamo donato così tanto in tanti!".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricorso a Mattarella contro le ordinanze antidegrado: già raccolti 1300 euro

PisaToday è in caricamento