Sabato, 18 Settembre 2021
Cronaca Cascina

Cascina, primi dati positivi sul porta a porta: aumenta l'organico, giù l'indifferenziato

Dal prossimo 8 luglio la raccolta domiciliare dei rifiuti sarà estesa nella zona a sud della ferrovia: verranno organizzate cinque assemblee pubbliche per spiegare ai cittadini il funzionamento del nuovo sistema

A partire da lunedì 8 luglio 2013, la raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta si estenderà anche al territorio del Comune di Cascina a sud della ferrovia. Saranno interessati dalla nuova modalità di raccolta diverse località del cascinese, come Santo Stefano a Macerata, Visignano, Titignano, San Lorenzo a Pagnatico, San Giorgio, San Prospero.

Per illustrare al meglio la nuova organizzazione del servizio, Geofor e Comune di Cascina hanno organizzato cinque assemblee pubbliche, che si svolgeranno secondo il seguente calendario: giovedì 13 giugno alle 21 presso il centro sociale 'Il girasole', in via Fratelli Cairoli 160 a San Frediano a Settimo (zona Villaggio Santa Maria); martedì 18 giugno 2013 alle 21.00, presso la sala 'Futura', in via dei Fossi doppi 95 a Santo Stefano a Macerata; venerdì 21 giugno 2013, alle ore 21.00, presso il Circolo Arci di Visignano (via Visignano 17); martedì 25 giugno 2013 alle ore 21, in via Stradaiola 43, presso il Circolo Arci di San Lorenzo a Pagnatico; giovedì 27 giugno 2013 alle ore 21.00, presso la sala parrocchiale di via di Scorno a Titignano.

Durante il mese di giugno sarà consegnato ai cittadini, dagli operatori Geofor, il materiale necessario alla raccolta. 

Secondo i dati resi noti da Geofor, dopo l’introduzione del porta a porta a Cascina, Marciana e Latignano, avvenuta il 2 aprile scorso, la percentuale parziale di raccolta differenziata nel periodo aprile-maggio, dove il nuovo servizio è applicato, tende all’80% circa. Sono dati privi del multimateriale, in quanto i numeri di tale categoria merceologica sono in fase di elaborazione presso Revet. In particolare, quest’area ha registrato l’aumento dell’organico di ben 31,68 punti percentuali, passando dai 711.550 chili raccolti nello stesso periodo del 2012, ai 936.970 chili del 2013. In questo lotto è stata registrata anche una diminuzione del rifiuto indifferenziato (meno 4,22%). Si tratta di dati parziali, che risentono ancora della contemporanea presenza dei cassonetti, e vanno pertanto considerati con beneficio d’inventario. Sarà necessario attendere la fine di giugno per effettuare un’analisi un po’ più attendibile. I risultati reali saranno disponibili tra la fine del 2013 e l’inizio del 2014, ossia dopo un anno circa dalla partenza del servizio.

Il completamento del servizio avverrà con il prossimo novembre, con la partenza del porta a porta nella zona C (ovvero il territorio del Comune di Cascina a nord della ferrovia, che comprende San Frediano a Settimo, Navacchio, Casciavola, Sant’Anna, San Lorenzo alle Corti, Zambra e l’ansa d’Arno). Alla fine del 2013, perciò, tutti gli oltre 44mila abitanti del Comune di Cascina saranno serviti dal nuovo sistema domiciliare di raccolta dei rifiuti.

Cascina sarà il più grande centro della provincia di Pisa servito da Geofor con tale metodo di raccolta, che consente le più alte percentuali di differenziazione, stabilite dalla legge nella percentuale attuale del 65%.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cascina, primi dati positivi sul porta a porta: aumenta l'organico, giù l'indifferenziato

PisaToday è in caricamento