Cronaca

Presunto jihadista arrestato a Ponsacco, ricorso bocciato: resta in carcere

Il giovane era stato accusato di aver inneggiato alla jihad islamica attraverso vari profili Facebook a lui riconducibili. Accolta la richiesta di giudizio immediato: il processo inizierà a febbraio

Resta in carcere Jalal El Hanaoui, il 25enne marocchino residente a Ponsacco, accusato di istigazione alla jihad a causa di numerosi post su vari profili Facebook. Il giovane è stato arrestato a luglio scorso e la Corte di Cassazione ha respinto il ricorso per cassazione contro l'ordinanza di custodia cautelare in carcere presentato dai suoi difensori, Marco Meoli e Tiziana Mannocci.


Per Jalal El Hanaoui è già stata accolta la richiesta di giudizio immediato: il processo inizierà a febbraio in Corte d'Assise a Pisa. Il ragazzo continua a dichiararsi innocente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presunto jihadista arrestato a Ponsacco, ricorso bocciato: resta in carcere

PisaToday è in caricamento