Cronaca

Ingegnere pisano rapito e incarcerato in Guinea: ore d'ansia per la famiglia

I familiari, che hanno presentato denuncia di scomparsa, temono che l'uomo possa venire torturato e ucciso

Sono momenti di grande preoccupazione per un ingegnere di 43 anni originario della Guinea Equatoriale ma residente a Pisa dal 1988. Come riporta il quotidiano Il Tirreno, la sorella e la nipote dell'uomo, Fulgencio Obiang Esono, hanno presentato denuncia di scomparsa in Questura, riferendo che l'uomo sarebbe stato sequestrato e incarcerato su ordine del regime dittatoriale di Teodoro Obiang Nguema Mbasogo.

La famiglia non avrebbe avuto più contatti con il 43enne da metà settembre, fino a ricevere informazioni sul suo rapimento, confermato anche dal sito Radio Macuto. Sulla base delle prime notizie arrivate ai familiari residenti a Pisa, Fulgencio Obiang Esono sarebbe stato rapito mentre si trovava a Lomé, capitale del Togo, per un incontro di lavoro, e sarebbe stato rinchiuso all'interno del carcere 'Black Beach' a Malabo, nella Guinea Equatoriale, considerato la prigione più disumana al mondo. I familiari temono che possa essere torturato e ucciso.

Fulgencio era arrivato molto giovane in Italia e si è laureato a Pisa in Ingegneria Civile nel 2003. Era stato impegnato anche nelle ultime elezioni amministrative pisane candidandosi con la lista 'Con Danti per Pisa'.

  
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ingegnere pisano rapito e incarcerato in Guinea: ore d'ansia per la famiglia

PisaToday è in caricamento