Terricciola, banda minaccia e rapina ambulanti: rubati gli incassi

L'episodio è accaduto mercoledì pomeriggio in un casolare. Cinque banditi hanno assalito padre e figlio facendosi consegnare circa 3mila euro in contanti, frutto della mattinata di lavoro. Poi la fuga con il furgone ritrovato poco dopo a Navacchio

Due commercianti ambulanti, padre e figlio, sono stati rapinati da una banda di malviventi che, pistola in pugno, si sono fatti consegnare un bottino di circa 3mila euro. L'episodio è accaduto ieri a Terricciola, in un casolare di campagna. Le due vittime, residenti a Calcinaia, si erano recati nello stabile di loro proprietà dopo una mattinata passata al mercato e avevano con loro circa 3 mila euro in contanti frutto della giornata di lavoro.

Qui i due sono stati aggrediti da 5 malviventi che li hanno minacciati e costretti a consegnare loro i soldi. Poi sono fuggiti con un furgone di proprietà dei commercianti, ritrovato dai Carabinieri a Navacchio. In corso le indagini. Secondo le prime ricostruzioni i banditi parlavano con accento straniero verosimilmente dell'est Europa ed hanno agito con il volto coperto indossando guanti. Probabilmente avevano pedinato le vittime designate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Residente a Pisa in quarantena: è entrato in contatto con l'uomo positivo a Pescia

  • Coronavirus: negativi i test effettuati

  • Coronavirus: a Cisanello diversi casi in valutazione

  • Coronavirus: in Toscana due casi sospetti positivi in attesa di validazione

  • Coronavirus: le nuove misure varate oggi dalla Regione

  • Coronavirus, caso sospetto a Firenze: positivo il secondo tampone su un uomo

Torna su
PisaToday è in caricamento