Ponsacco, fanno saltare il bancomat nella notte: banditi fuggono con 50mila euro

Lo sportello bancomat della Cassa di Risparmio di Volterra era stato ricaricato nel pomeriggio per garantire la liquidità nel fine settimana. I malviventi hanno agito a volto coperto, non sarà facile la loro identificazione

Colpo grosso alla Cassa di Risparmio di Volterra a Ponsacco dove alle quattro della notte tra venerdì e sabato quattro banditi hanno fatto saltare il bancomat e sono fuggiti con 50mila euro di bottino. Lo sportello automatico era stato caricato nel pomeriggio dagli impiegati per garantire liquidità nel weekend.

I malviventi sono stati ripresi dalle telecamere a circuito chiuso della banca, ma hanno agito a volto coperto e dunque la loro identificazione non sarà semplice. Lo scoppio ha svegliato il vicinato ma non ha causato particolari danni all'immobile.

I malviventi hanno utilizzato esplosivo preconfezionato in panetti che è stato introdotto nella fessura dello sportello bancomat. Una tecnica utilizzata normalmente da persone esperte che sanno confezionare queste 'bombe' improvvisate con esplosivo comunemente reperibile in commercio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...



 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientra dall'Albania e va a trovare la figlia a Pisa: in 5 positivi al Coronavirus

  • Bimbo di 5 anni salvato dalle sofferenze di un tumore, i genitori: "Grazie"

  • Coronavirus in Toscana, 5 nuovi casi: un decesso a Pisa

  • Sangue nella movida pisana: ragazzo colpito al volto da una bottigliata

  • Cadono dallo scooter in Fi-Pi-Li a Pisa: due feriti

  • Bambino di sei anni si perde sul litorale: ritrovato a 3 km dalla Guardia di Finanza

Torna su
PisaToday è in caricamento