Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Nodo infrastrutture in Toscana: "Strategico il potenziamento del Galilei"

Il presidente della Regione Rossi ha presentato a Pisa i risultati del rapporto realizzato da Irpet sulla Toscana costiera. Buone notizie sul fronte della geotermia

"Pisa è una realtà di eccellenza che è riuscita a crescere anche nel periodo più duro della crisi". E' quanto ha affermato questa mattina, 19 luglio, il presidente della Regione Enrico Rossi che ha presentato in città, nella sede della Provincia, il Rapporto sulla costa Toscana elaborato dall'Irpet. Presenti anche il consigliere regionale e presidente della Commissione costa, Antonio Mazzeo, e il direttore dell'Irpet, Stefano Casini Benvenuti. Seduti in sala anche esponenti del mondo politico, sindacale, industriale e del commercio.

Cresce la Toscana costiera

Il rapporto mostra come negli ultimi anni il gap tra Toscana costiera ed entroterra si sia ridotto. "Nel 2018 - ha affermato Mazzeo - l'occupazione nelle province strettamente costiere è aumentata dell'1,4% contro lo 0,7% del resto della Regione, invertendo la tendenza negativa che continuava oramai da molto tempo. Se prima il gap occupazionale era di circa 18mila posti di lavoro nell'ultimo anno la differenza è arrivata a 16mila unità".

Tutto questo anche grazie agli investimenti regionali, alcuni programmati e molti altri già avviati, per complessivi 3miliardi di euro. "Ne ricordo - ha detto Rossi - solo alcuni: quelli sull'interporto di Livorno, quelli su Piombino e quelli su Rosignano per scongiurare la chiusura della Solvay. C'è ancora molto da fare ma la strada intrapresa è quella giusta e se riusciremo a mantenere la barra dritta la Toscana ha le potenzialità per diventare una delle regioni più sviluppate d'Europa". Fondamentale potrebbe risultare anche il ruolo giocato dall'area metropolitana di Pisa e Livorno "che con il suo terziario e il suo potenziale di innovazione - ha proseguito Rossi - è in grado di fare la differenza e contribuire significativamente a colmare il divario di posti di lavoro tra queste due realtà".

Aeroporto Galilei, Fi-Pi-Li e Tirrenica

Per creare sviluppo servono però alcuni importanti interventi che permettano di completare la rete infrastrutturale regionale. Tra questi Rossi cita la realizzazione della strada Tirrenica per collegare la Toscana da nord a sud. "Servono gli investimenti dello Stato - ha detto Rossi. Da dieci anni stiamo facendo pressioni per realizzare questa infrastruttura, purtroppo senza risultati". Necessario anche migliorare le strade interne in modo da "connettere l'entroterra alla Costa".

Aspetto, quest'ultimo, che è stato ribadito anche dal presidente della Camera di Commercio di Pisa, Valter Tamburini, e dal presidente della Provincia, Massimiliano Angori: "La Fi-Pi-Li - ha detto Angori - è una di quelle infrastrutture che dovrebbe connettere la Toscana centrale a quella costiera. Ma se è molto efficente nella parte fiorentina, lo è meno per quello che riguarda la parte pisana. La Regione dovrebbe avere un controllo più stringente sulla città metropolitana di Firenze, che è il gestore della strada".

Tra le opere strategiche Rossi cita anche il potenziamento dell'aeroporto di Pisa e dei collegamenti ferroviari Pisa-Firenze-Livorno, la realizzazione della Darsena Europa a Livorno, oltre al potenziamento dei porti di Piombino e Carrara. "Volani fondamentali - ha detto ancora Rossi - dovranno continuare a essere il turismo e l'agroalimentare, sviluppati soprattutto nei territori più a sud della Regione".

Buone notizie per la geotermia

Buone notizie sembrano intanto arrivare sul fronte della geotermia. Come si ricorderà il settore era rimasto escluso dagli incentivi statali predisposti dal Governo giallo-verde per le energie rinnovabili nel cosiddetto decreto Fer 1. Nella giornata di ieri, 18 luglio, c'è però stato un "passagio importante" al ministero dello sviluppo economico. "Gli incentivi previsti per la geotermia - ha affermato l'assessore regionale Federica Fratoni - saranno nuovamente reinseriti nel decreto Fer 2 che al momento è in fase di elaborazione e che dovrà essere approvato entro la fine dell'anno. Speriamo che il Governo mantenga le promesse".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nodo infrastrutture in Toscana: "Strategico il potenziamento del Galilei"

PisaToday è in caricamento