rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca

Nuovi studi: "Per vedere il cervello non ha bisogno di occhi"

Nei ciechi dalla nascita la rappresentazione mentale degli oggetti e dello spazio è simile a quella dei vedenti. Lo rivela una ricerca, di cui è responsabile Giovanna Marotta del dipartimento di filologia pisana

Nei ciechi dalla nascita la rappresentazione mentale degli oggetti e dello spazio è molto simile a quella dei vedenti. Lo rivela un progetto di ricerca del ministero dell'Università di cui è responsabile scientifico Giovanna Marotta del dipartimento di filologia, letteratura e linguistica dell'Ateneo pisano. I risultati dello studio  saranno presentati venerdì e sabato in una conferenza internazionale nell'aula magna di Scienze a Pisa, sulle rappresentazioni semantiche dei non vedenti.

"I risultati che abbiamo ottenuto - spiega Marotta - hanno confermato che la rappresentazione mentale degli oggetti e dello spazio negli individui non vedenti dalla nascita è molto simile a quella dei vedenti, il che rafforza l'ipotesi che a livello cerebrale le rappresentazioni mentali siano supramodali, ossia simboliche, nella misura in cui superano e trascendono le nostre percezioni sensoriali. Paradossalmente, potremmo dire che il nostro cervello non ha bisogno degli occhi per vedere e conoscere il mondo come le persone che ci circondano".

Lo studio, condotto in collaborazione con l'equipe pisana di Pietro Pietrini, che da anni è impegnato nello studio delle strutture neurocognitive delle persone non vedenti, si è avvalso di metodologie fortemente interdisciplinari, comprendenti sia analisi linguistiche e psicolinguistiche che neurocognitive e computazionali. "Lo studio semantico del linguaggio nei non vedenti congeniti - conclude Giovanna Marotta - può fornire una chiave di lettura importante per comprendere il rapporto tra strutture concettuali e informazione sensomotoria. Più in generale, per chiarire il rapporto tra linguaggio ed esperienza, così da valutare l'eventuale ruolo di principi innati, rispetto ai dati percettivi".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovi studi: "Per vedere il cervello non ha bisogno di occhi"

PisaToday è in caricamento