menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine tratta dal sito ReallyFriend

Immagine tratta dal sito ReallyFriend

Debutta 'ReallyFriend', il primo social network italiano dedicato alla solidarietà

Sviluppata da Linari Medical, Linari Engineering e IProd, la app è totalmente gratuita. Dal 21 dicembre sarà possibile effettuare le prime donazioni

Parla con uno spiccato accento pisano la prima app italiana interamente dedicata alla solidarietà e alla beneficenza. Ha debuttato ufficialmente oggi, anche se è possibile scaricarla dagli store Google e Apple dallo scorso 8 dicembre, 'ReallyFriend', il social network sviluppato interamente da Linari Medical, Linari Engineering e IProd. Sono tre aziende dal respiro nazionale fortemente radicate sul territorio pisano: il Gruppo Linari è specializzato nella produzione di tecnologie per la riabilitazione visiva e IProd è una startup fondata nel 2019 e specializzata nei servizi icloud per l'ottimizzazione della gestione della produzione delle aziende.

I creatori del progetto sono Caterina Stimola, responsabile di Linari Medical, Stefano Linari, fondatore di Linari Engineering e Amedeo Bruni, fondatore di IProd. "Desideravamo creare uno strumento innovativo che abbinasse il tracciamento trasparente delle operazioni al valore del dono e della solidarietà" spiega Caterina Stimola. "Da mesi vediamo scene di forte disagio in tutto il Paese a causa della pandemia - prosegue l'amministratrice di Linari Medical - fortunatamente si sono moltiplicati i gesti di beneficenza, più o meno spontanei, nei confronti di chi ha le maggiori difficoltà. E per convogliare in modo più organico le donazioni abbiamo realizzato questo progetto unico in Italia".

La app 'ReallyFriend' è totalmente gratuita sia per i donatori che per i beneficiari e si rivolge all'intera popolazione. Dagli enti pubblici ai singoli cittadini, passando per fondazioni, associazioni di volontariato e onlus. Tutti possono contribuire ad allargare e arricchire la rete sociale della solidarietà, creando così una forte interconnessione tra il virtuale e la realtà: le donazioni confluiscono sulla piattaforma e si traducono nelle azioni delle campagne solidali proposte dai diversi soggetti.

L'affidabilità e la trasparenza delle operazioni è affidata all'obbligo, per i promotori delle campagne di beneficenza, di pubblicare resoconti e foto che mostrino l'utilizzo delle somme raccolte. I post che tradizionalmente leggiamo su Facebook o Twitter, quindi, si trasformano in messaggi di solidarietà e sostegno verso i più bisognosi. Sulla app, per ciascun progetto pubblicato dai soggetti promotori, si potranno leggere i dettagli e gli obiettivi fissati. 'ReallyFriend' ogni settimana erogherà i fondi raccolti ai beneficiari senza alcun costo di commissione aggiuntivo a quelli fissati dai circuiti di credito.

I donatori, come detto, possono essere sia singoli cittadini che aziende: è sufficiente registrarsi sulla piattaforma e scaricare su un dispositivo mobile la app. Dal 21 dicembre sarà possibile effettuare una donazione alle campagne che già hanno aderito al progetto (importo minimo 1 euro): al momento dell'invio della somma verrà rilasciata automaticamente una ricevuta fiscale con tutti i dettagli dell'operazione. "Siamo convinti che questo progetto troverà un'adesione ampia" sottolinea la dottoressa Stimola.

"Le donazioni possono essere condivise sulla app e automaticamente si diventerà 'amici' di tutti coloro i quali avranno aderito alla medesima campagna - conclude Caterina Stimola - anche i minori potranno scaricare la app e entrare nella rete della solidarietà, senza ovviamente avere la facoltà di effettuare donazioni".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'Azalea della Ricerca Airc a Pisa per la Festa della Mamma

Sicurezza

Come pulire le zanzariere: trucchi e consigli

social

Festa della mamma, cinque idee regalo per tutti i gusti

Ristrutturare

Eliminare la ruggine dai cancelli, trucchi e consigli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento