Gara da record per Meucci: primato italiano nella 10 chilometri di Valencia

In Spagna l'atleta pisano ha chiuso la distanza in 28 minuti e 8 secondi, battuto il record di Baldini che resisteva dal 2002

Foto di archivio

Il pisano Daniele Meucci ha firmato un grande record nella 10 chilometri di Valencia, fissando il nuovo primato italiano su strada in 28:08, due secondi in meno della migliore prestazione nazionale di 28:10, realizzata da Stefano Baldini il 17 agosto 2002 ad Arco, con la quattordicesima posizione al traguardo. Un crono che il nazionale italiano dell’Esercito aveva già avvicinato correndo due volte in 28:19, a New York il 10 maggio del 2014 pochi mesi prima di vincere il titolo europeo di maratona a Zurigo, e anche lo scorso 25 maggio ad Arezzo.

Nel 2019, alla fine di ottobre, il 34enne ha completato la 42,195 km di Francoforte in 2h10:52, a soli sette secondi dal personale e in linea con lo standard d’iscrizione per le Olimpiadi di Tokyo, dopo il ritiro ai Mondiali di Doha. Attualmente è allenato da Luciano Di Pardo, in collaborazione con la compagna Giada Bertucci. Tra qualche giorno inizierà un periodo di preparazione in quota a Iten, in Kenya, dal 20 gennaio fino a metà febbraio, dove poi tornerà nel mese di marzo, in vista di una maratona primaverile.

"Sono contentissimo perché non me l’aspettavo - racconta Daniele Meucci nel comunicato Fidal - e le cose più belle sono quando non te le aspetti. Dopo la maratona di Francoforte, insieme al mio tecnico Luciano Di Pardo, ho scelto di recuperare bene con tre settimane di stop per poi ripartire correndo due gare di 10 chilometri, la We Run Rome di San Silvestro e poi quella di oggi, per tornare a sviluppare le mie qualità su distanze più brevi, che avevo un po’ tralasciato per affrontare la maratona. L’obiettivo era di correre forte, ma sinceramente non credevo così forte e avevo pensato a un crono di 28:40-28:50, in modo da creare una buona base prima del raduno in Kenya e di cercare una buona maratona in primavera. All’inizio si sentiva il freddo, la temperatura era intorno ai cinque gradi, e sono partiti tutti al massimo. Però questo mi ha aiutato perché sono stato più prudente, ma non troppo, nei primi tre chilometri in una corsa molto scorrevole, con tanta gente e tanti gruppetti, in cui si poteva trovare il ritmo giusto. Finalmente una super gara!".

A Valencia è arrivato anche il nuovo primato del mondo. Il keniano Rhonex Kipruto demolisce il limite sulla distanza con 26:24 e migliora di quattordici secondi il 26:38 stabilito dall’ugandese Joshua Cheptegei un mese e mezzo fa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In stato confusionale si mette una catena al collo e si getta in Arno

  • Meteo: dal 20 gennaio la possibile svolta fredda

  • Si dà fuoco dopo la notifica di sfratto: morto 41enne

  • Ikea ritira dal mercato un bicchiere da viaggio: può contenere sostanze tossiche

  • Calendario 'Miss Nonna 2020': tra le protagoniste anche una signora di Bientina

  • Olio di semi miscelato con il carburante: sequestrato distributore sull'Aurelia

Torna su
PisaToday è in caricamento