menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Recovery Plan: la Normale aderisce all'appello per chiedere investimenti nella ricerca

Il direttore dell'ateneo pisano Luigi Ambrosio partecipa all'appello dell'Accademia dei Lincei per sensibilizzare la politica sul tema

Perché è fondamentale per la crescita complessiva del paese, per il futuro dei giovani, perché è appassionante. Sono alcuni dei motivi per cui secondo il Direttore della Scuola Normale, Luigi Ambrosio, è vitale che nella discussione politica sul Recovery Plan si punti con forza al finanziamento della ricerca, non solo quella tecnologica ma anche di base, che non ha ricadute nell’immediato, ma che può indirizzare il progresso scientifico e le nostre vite nel futuro.

Ambrosio ha partecipato a un appello promosso dall’Accademia Nazionale dei Lincei e dal suo presidente Giorgio Parisi, insieme ad altri scienziati appartenenti alla più antica istituzione scientifica del mondo, con una serie di video pubblicati sul canale youtube dell’Accademia e rilanciati dall’agenzia Ansa, tutti della durata di circa 1 minuto e mezzo (a questo link i video pubblicati finora, altri seguiranno nei prossimi giorni).

"Alla domanda perché la ricerca è importante mi vengono in mente tante risposte, ho cercato di scegliere le migliori - ha esordito il direttore della Normale - la prima è perché proprio non possiamo farne a meno. Noi sappiamo che per paesi avanzati come il nostro, margini ulteriori di crescita non possono che venire da un rinnovato progresso scientifico e tecnologico. Ma la ricerca e il progresso non sono solo tecnologia. Io dirigo una istituzione, la Scuola Normale Superiore, che combina al massimo livello ricerca e insegnamento nell’ambito scientifico, umanistico e delle scienze sociali. In tutti questi campi l’Italia ha grandissime tradizioni, e avrebbe un grande capitale umano, che già ora è in parte disperso. Infatti esportiamo brillanti giovani che abbiamo formato in Italia, a causa di una competizione sempre più serrata con nazioni che investono in ricerca percentuali molto maggiori del Pil. E poi per un paese povero di materie prime come il nostro, quale migliore investimento potrebbe esserci se non quello sul futuro dei propri giovani".

"I fondi europei di cui ora tanto si parla - aggiunge - non a caso si chiamano Next Generation EU. E infine, lasciatemi concludere dicendo che fare ricerca è bello, appassionante, ci insegna a condividere, a collaborare, ed è spesso la passione che ci anima quella che ci porta a fare nuove scoperte, magari non guardando all’utile immediato. Come ci insegna la storia della scienza, molte nuove scoperte sono nate quasi per caso, quindi anche l’investimento nella cosiddetta ricerca di base è fondamentale". 

Oltre a quello del Presidente dei Lincei e del Direttore della Normale sono stati finora pubblicati i video di Roberta Sessoli (Università di Firenze), Giovanni Losurdo (INFN Pisa e Virgo Spokesperson), Francesco Berrilli (Università di Roma Tor Vergata), Giorgio Manzi (paleontologo e antropologo).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Caparezza, due tappe in Toscana nel tour 2022: tutte le date

Cura della persona

Manicure semipermanente fai da te, trucchi e consigli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Covid, la Toscana passa in zona arancione

  • Eventi

    I film in uscita ad aprile su Amazon Prime Video

Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento