Cronaca

Sospetto speculazione: requisite 20mila mascherine all'aeroporto di Pisa

I presidi sanitari saranno distribuiti alla Protezione Civile regionale, che provvederà a smistarle dove necessario

I funzionari dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli del distaccamento presso l'aeroporto Galilei di Pisa hanno requisito, per ordine del Commissario straordinario per l'emergenza Covid-19 Domenico Arcuri, un carico complessivo di 20.800 mascherine provenienti dalla Cina. 

L'operazione rientra nei controlli che gli operatori svolgono al fine di contrastare pratiche di accaparramento o speculazione, legate alla grande richiesta dei dispositivi di protezione ed alla loro conseguente carenza. In questo caso le mascherine erano state acquistate da due aziende che, al momento delle verifiche, sono risultate essere estranee al settore dei dispositivi medici, facendo così scattare la segnalazione da Pisa alla sede centrale dell'Agenzia delle Dogane. A quel punto il Commissario straordinario ha disposto la requisizione.

Il carico quindi è stato destinato alla Protezione Civile regionale, che provvederà a distribuirle alle aziende sanitarie, ospedaliere o alle strutture che ne hanno maggiore necessità. "L'impegno dell'Agenzia - scrive l'ente di controllo - prosegue incessante i controlli volti ad assicurare la priorità nel rendere immediatamente disponibili tutti i dispositivi di protezione per far fronte all'emergenza sanitaria internazionale in corso".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sospetto speculazione: requisite 20mila mascherine all'aeroporto di Pisa

PisaToday è in caricamento