Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca Tombolo

Occupano abusivamente un 'retone': avevano già precedenti per droga e furti

Cinque uomini sono stati sorpresi dal Corpo Forestale dello Stato all'interno di una delle strutture in legno adibite alla pesca sportiva. Uno di essi era stato condannato a due anni di carcere. Sono stati denunciati per occupazione abusiva di area demaniale

Avevano occupato abusivamente un 'retone', situato in un'area protetta della riserva naturale Cornacchiaia-Uliveto, gestita dal Wwf nella Tenuta di Tombolo grazie a una convenzione con il parco regionale Migliarino - San Rossore - Massaciuccoli. Sono stati sorpresi dagli agenti del Corpo Forestale dello Stato cinque marocchini, tutti già noti alle forze dell'ordine per reati contro il patrimonio e per droga: su uno pendeva anche una condanna a due anni di reclusione. Per questo è stato subito trasferito in carcere. Per altri due, immigrati irregolari, è scattato il provvedimento di espulsione. Tutti sono stati denunciati per occupazione abusiva di area demaniale.

"Le aree boscate protette - spiega Davide Ciccarelli, comandante del nucleo investigativo dei forestali di Pisa - sono sempre più spesso utilizzate da persone dedite ad attività illecite e sempre più diffuso è il fenomeno dello spaccio di droga all'interno del bosco, dove i pusher possono agire e bivaccare indisturbati e all'occorrenza, approfittando della fitta vegetazione, nascondersi e sfuggire ai controlli delle forze dell'ordine".




 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Occupano abusivamente un 'retone': avevano già precedenti per droga e furti

PisaToday è in caricamento