Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Riapertura "farlocca" in zona gialla: "Bar penalizzati, pronti alla class action"

Delusa Confesercenti per la concessione dell'attività solo all'esterno: "Bloccata la consumazione al banco, è come essere in zona rossa"

Foto di archivio Today (Monza)

"Altro che ripartenza in zona gialla, visto che i pubblici esercizi che non dispongono di spazi esterni dovranno applicare le stesse regole in vigore con la zona rossa. Uno schiaffo ad una intera categoria in ginocchio che adesso chiederà adeguati risarcimenti allo Stato. Non ho problemi a definire farlocca questa ripartenza". Non usa mezzi termini Simone Romoli, responsabile area pisana di Confesercenti Toscana Nord, per raccogliere la rabbia di tanti colleghi che speravano in una vera ripartenza dal 26 aprile.

"Qualcuno ha spacciato per successo la concessione di utilizzare gli spazi all’aperto a pranzo e cena - insiste Romoli - si tratta certamente di un passo avanti, che però discrimina la maggior parte dei pubblici esercizi che non dispongono di spazi esterni. Per loro sarà come essere in zona rossa, con i bar che avranno la possibilità solo dell’asporto fino alle 18".

Per comprendere il nuovo decreto è stata diffusa una circolare del ministero degli Interni per chiarire e confermare i timori degli operatori. "Circolare che conferma come di giallo da lunedì ci sia davvero poco - sottolinea il responsabile area pisana di Confesercenti Toscana Nord - visto che rimane esclusa, relativamente agli esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande, la possibilità di consumazione al banco. Inoltre restano confermate le altre disposizioni che fissano alle 18 il limite orario entro il quale è consentito l’asporto ai soggetti che svolgono come attività prevalente una di quelle identificate dal codice Ateco 56.3, quindi i bar".

Dura la conclusione. "E’ il momento di farsi sentire come categoria. Abbiamo sempre cercato il dialogo fornendo proposte, protocolli, strumenti per riaprire in sicurezza. Il risultato è stata una zona gialla peggiorativa. Inutile perdere tempo impugnando al Tar questo decreto visti i risultati di altre azioni simili. Pronti invece a mettere in campo una class action contro chi ha interrotto il lavoro o lo ha pesantemente ostacolato della categoria dei pubblici esercizi". Intanto per i prossimi giorni il presidente Luigi Micheletti ha chiesto un incontro urgente all’assessore di Pisa Pesciatini per predisporre un piano straordinario di utilizzo del suolo pubblico per i pubblici esercizi laddove ci sia possibilità di estensione o nuova occupazione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riapertura "farlocca" in zona gialla: "Bar penalizzati, pronti alla class action"

PisaToday è in caricamento