menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scuola, la Toscana pronta per il rientro in classe il 7 gennaio

La conferma dell'assessore regionale Nardini: rientro al 50% per le secondarie di secondo grado come previsto dall'ordinanza del ministro Speranza

Le scuole superiori della Toscana pronte a ripartire il 7 gennaio. Malgrado alcune regioni stiano puntando nelle ultime ore a una proroga per tutto il mese di gennaio della didattica in presenza, la Regione Toscana conferma l'obiettivo di far ripartire le lezioni in presenza anche alle superiori dopo l'Epifania. "Ci attesteremo alle indicazioni nazionali che in questo momento, rispetto all'ultima ordinanza firmata dal ministro Speranza, prevede un rientro al 50% per le secondarie di secondo grado a partire dal 7 e noi ci siamo attivati in questa settimana per farci trovare pronti - ha confermato questa mattina l'assessore regionale all'Istruzione, Alessandra Nardini - sappiamo bene quanto le conseguenze di questa pandemia abbiano gravato sugli studenti e sulle famiglie. Sappiamo altrettanto bene che la didattica a distanza, necessaria quando l'abbiamo dovuta adottare a causa delle condizioni epidemiologiche che c'erano allora, non può sostituire la didattica in presenza che è anche socialità, fondamentale per la crescita dei nostri studenti". Quindi, ha proseguito l'assessore, "abbiamo lavorato fin da subito per poterli riportare in classe quando le condizioni lo avrebbero reso possibile. Oggi i dati toscani, che ovviamente continuiamo a monitorare, lo rendono possibile. Di conseguenza ci attesteremo alle indicazioni nazionali rispetto alla ripartenza del 7".

"Anche poter avere un giorno sì e un giorno no in classe - sottolinea il governatore Eugenio Giani - consente a quel 50% di didattica a distanza di essere concordata il giorno prima a scuola e, quindi, di essere ben impostata. Inoltre permette ai ragazzi di ritrovare per metà della settimana la loro socialità, di ritrovare il loro rapporto diretto". Certo, avverte, "se vediamo che i dati epidemiologici peggiorano si tornerà alla didattica a distanza in modo esclusivo, però abbiamo l'ottimismo della volontà di pensare che con la situazione della Toscana ci possiamo permettere di riportare i licei a scuola dal 7".
Giani, parlando poi delle misure in arrivo da parte del Governo per il contenimento della diffusione del Coronavirus dal prossimo 7 gennaio, si è detto abbastanza sicuro della zona di ripartenza della regione dopo la pausa imposta dal Dpcm di Natale: "In Toscana l'indice Rt è fra 0,7 e 0,8: sono condizioni da zona gialla e quindi ritengo che ripartiremo dalla zona gialla".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Caparezza, due tappe in Toscana nel tour 2022: tutte le date

Cura della persona

Manicure semipermanente fai da te, trucchi e consigli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Covid, la Toscana passa in zona arancione

  • Eventi

    I film in uscita ad aprile su Amazon Prime Video

Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento