Cronaca

Castelfranco, maxi intervento di recupero di rifiuti abbandonati sulla Provinciale bientinese

Pulizia straordinaria lungo la SP3 Bientina-Altopascio presso l'Argine dei Progionieri. Raccolti due camion di rifiuti per un totale di circa 100 quintali

Una vera e propria discarica abusiva a cielo aperto è stata rimossa nel pomeriggio di ieri, venerdì 12 febbraio. Il maxi intervento di rimozione di rifiuti abbandonati è stato effettuato lungo la SP3 'Bientina- Altopascio', nella zona conosciuta come Argine dei Prigionieri, in collaborazione con la Provincia di Pisa, ente proprietario della strada. Mentre il trasporto e lo smaltimento del materiale recuperato è a carico del Comune di Castelfranco di Sotto. Sono stati raccolti due camion di merce, per un peso stimato di circa 100 quintali.

"Uno spettacolo degradante. Una montagna di rifiuti di ogni tipo ammassati in un'area che purtroppo è diventata bersaglio di gesti incivili - ha commentato il sindcao di Castelfranco Gabriele Toti - ci facciamo carico dello smaltimento dei rifiuti raccolti perché crediamo opportuno preservare l'ambiente ed il contesto naturale del nostro territorio. La Provincia si è occupata delle operazioni di rimozione con vari mezzi e personale".

"Qualcuno dice che non dovremmo mostrare queste immagini e ci accusa di farci vanto di interventi che ci competono come pulizia ordinaria. Non è proprio così - ha aggiunto il vicesindaco e assessore all'Ambiente Federico Grossi - siamo convinti che mostrare le foto di questi interventi serva a sensibilizzare la cittadinanza sull'importanza di rispettare il nostro territorio. Descrivere le operazioni, nei vari passaggi, serve a far capire quale sia l'impiego di risorse che si muove in seguito all'abbandono dei rifiuti. Continuiamo a combattere questo fenomeno dalle sue radici. Tutti devono capire che gettare i rifiuti e un'offesa verso un bene comune".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Castelfranco, maxi intervento di recupero di rifiuti abbandonati sulla Provinciale bientinese

PisaToday è in caricamento