menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Raccolta differenziata sul litorale: al via i nuovi cassonetti automatizzati

Sono 63 le nuove postazioni attive tra Marina e Tirrenia: per ora sono utilizzabili da tutti, mentre dal 15 aprile si potranno usare solo con le tessere

Via ai cassonetti automatizzati per la raccolta differenziata anche sul litorale. In questi giorni si sta infatti completando il posizionamento dei nuovi contenitori con serratura elettornica che andranno a sostituire, così come già accaduto in città, i vecchi cassonetti dei rifiuti. Le postazioni saranno in totale 63: 25 a Marina di Pisa (12 interrati e 13 fuoriterra) e 38 a Tirrenia (tutti fuori terra), mentre per le zone di Calambrone e del Villaggio dei Pescatori a Marina è già attiva la raccolta porta a porta.

"Inizia - spiega Maurizio Gazzarri, capo di gabinetto del comune di Pisa - l'ultima fase del cronoprogramma che ci eravamo dati 5 anni fa. Il nuovo sistema di raccolta che abbiamo attivato sta producendo risultati positivi: nel 2017 la media mensile della differenziata è stata infatti del 58,31% mentre nei primi due mesi del 2018 è salita ancora fino al 60,93%". Due anni fa, ad inizio 2016, la media era intorno al 40%. "La differenza - afferma il sindaco Filippeschi - è importante ed è stata realizzata in pochissimo tempo grazie al grande lavoro degli uffici e alla collaborazione dei cittadini". 

"Il nuovo sistema di raccolta - spiega il vicesindaco con delega al litorale, Paolo Ghezzi - ha permesso, già dal 2018, una riduzione della Tari dal 2% all'8% a seconda dei casi. L'obiettivo è ora quello di raggiungere il parametro nazionale del 65% di raccolta differenziata che permetterà un'ulteriore riduzione della tariffa". Per quanto riguarda gli stabilimenti balneari sarà invece intensificato ulteriormente il porta a porta. "Inoltre - prosegue Ghezzi - sarà introdotto da quest’anno, in misura sperimentale, un progetto di misurazione dei rifiuti prodotti da ogni stabilimento e campeggio. L'obiettivo in questo caso è quello di arrivare, già a partire dal 2019, alla tariffazione puntuale introducendo così il principio che chi inquina di più, paga anche di più".

Come funziona

A partire dal 15 aprile tutti i cassonetti potranno essere aperti solo con la tessera elettronica, già distribuita la scorsa estate alle utenze iscritte alla Tari. Fino a quella data saranno invece ancora utilizzabili liberamente da chiunque, senza il bisogno delle tessere, per lasciare il tempo ad abitanti e esercenti di mettersi in regola e di familiarizzare con il nuovo sistema. Per gettare i rifiuti al momento sarà quindi sufficiente schiacciare il pulsante di accensione del cassonetto e aprirlo con la maniglia o con la pedana.

Come funzionano i nuovi cassonetti: video

Cassonetti e torrini saranno uguali a quelli già presenti in centro storico a Pisa. Ogni postazione, sia interrata sia fuori terra, ha almeno 5 contenitori di differenti tipologie: marrone per i rifiuti organici, verde per il vetro, bianco per la carta, blu per il multimateriale leggero (imballaggi in plastica, lattine, barattoli e cartoni per bevande) e grigio per i rifiuti indifferenziati. 

La tessera è assegnata in duplice copia a tutti i titolari di un’utenza Tari e rappresenta una chiave personale il cui codice univoco identifica la singola utenza. Su 6.329 utenze del litorale ad ora sono state distribuite circa il 56% delle tessere. Il restante 44% è costituito per la maggior parte da proprietari di seconda casa residenti in altre città, che saranno raggiunti nella prima quindicina di aprile tramite spedizione postale dalla bolletta contenente l’avviso sulla chiusura dei cassonetti, con le informazioni per ritirare la tessera presso l’Ecosportello del comune di Pisa.

In occasione delle distribuzione delle tessere fatta tra maggio e giugno del 2017 sono emerse 253 utenze fantasma che non erano ancora iscritte alla Tari e usufruivano del servizio di raccolta dei rifiuti senza pagare alcuna tariffa. Per quanto riguarda le case che vengono affittate per il periodo estivo a turisti, sarà cura del proprietario consegnare agli inquilini una copia della tessera, insieme al depliant informativo fornito da Geofor, per spiegare le modalità di conferimento dei rifiuti e il funzionamento dei cassonetti automatici.

Chi fosse ancora sprovvisto della tessera o l’avesse smarrita, può farne richiesta presso l’Ecosportello Geofor aperto presso l’Urp del Comune di Pisa a Palazzo Pretorio, Lungarno Galilei 43, aperto dal lunedì al venerdì con orario dalle 9 alle 12, tel. 050.910666. Per ricevere ulteriori informazioni, è attivo il numero verde 800.981.212; mentre per chi dovesse effettuare nuove iscrizioni o modifiche alla propria posizione Tari occorre recarsi alla Sepi, in via C. Battisti 53 (attivo il numero verde 800.432.073).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Riaperto il Museo della Geotermia di Larderello

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento