Cronaca Cep / Via Gentile da Fabriano, 1

Misericordia: i sindacati chiedono il rinnovo dei contratti di solidarietà

Durante l'incontro di venerdì mattina tra l'assessore provinciale al lavoro, i sindacati e i rappresentanti dell'Arciconfraternita, Cgil-Cisl-Uil hanno trovato il no di fronte alla proposta di puntare al rinnovo dei contratti di solidarietà

Il presidio dei lavoratori della Misericordia al Cep

Rinnovo dei contratti di solidarietà proposto dai sindacati e bocciato dai rappresentati della Misericordia. Ieri mattina presso la sede del Centro Direzionale per l’Impiego, alla presenza dell’assessore al Lavoro e formazione della Provincia di Pisa Anna Romei, si è svolto un ulteriore incontro tra CGIL-CISL-UIL e i rappresentanti della Misericordia e Crocione di Pisa, per affrontare il problema dei circa 40 licenziamenti stabiliti dai vertici dell'Arciconfraternita, per far fronte ad un debito milionario.

Le organizzazioni sindacali hanno espresso la loro fortissima preoccupazione per l’imminente scadenza dei contratti di solidarietà attivati per i dipendenti della Misericordia di Pisa. Contratti di Solidarietà che sono stati stipulati come misura alternativa agli esuberi di personale già dichiarati dalla Misericordia stessa e per i quali, sempre dalle organizzazioni sindacali, è stato richiesto e sollecitato un impegno tempestivo ad effettuare tutte le richieste di integrazione al reddito che non sono ancora state effettuate agli enti interessati .

"Nel corso dell’incontro - si legge in un comunicato unitario di FP CGIL, CISL FP e UIL FPL - le organizzazioni sindacali di categoria CGIL, CISL e UIL hanno ribadito come, nel pur grave contesto che viene rappresentato, non si possa dimenticare la responsabilità che ogni datore di lavoro ha nei confronti dei propri dipendenti e, per questo, si sia chiamati ad intraprendere soluzioni, come il rinnovo dei contratti di solidarietà in scadenza, che possano sia alleviare le sofferenze economiche lamentate dalla Misericordia, sia dare un sostegno al reddito di persone che non hanno alcuna responsabilità della crisi determinatasi. Incomprensibilmente i rappresentanti della V.A. Misericordia e Crocione di Pisa hanno respinto la richiesta di rinnovo dei contratti di solidarietà a favore dei dipendenti".

"Le Organizzazioni Sindacali di Categoria CGIL, CISL e UIL - prosegue la nota - non comprendono le ragioni che spingono la V.A. Misericordia verso questa posizione e si dicono contrarie alla chiusura di ogni possibile intesa sul rinnovo dei contratti di solidarietà. Il mancato rinnovo, infatti, rischierebbe di far perdere il posto di lavoro ad oltre quaranta dipendenti con grandi difficoltà, nell’attuale contesto socio economico, alla ricollocazione. Occorre da parte di tutti senso di responsabilità e l’attivazione di tutte le misure utili anche all’eventuale riqualificazione del personale. Per queste ragioni CGIL, CISL e UIL, nell’interesse dei dipendenti della Misericordia di Pisa - conclude il comunicato - non possono far altro che ribadire la loro ferma posizione a favore di quelle misure, come i contratti di solidarietà, che evitino la disoccupazione delle persone coinvolte in questo difficile momento".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Misericordia: i sindacati chiedono il rinnovo dei contratti di solidarietà

PisaToday è in caricamento