Cascina: è ufficiale il rinvio delle scadenze di Tari e Cosap

L'approvazione della delibera da parte del Consiglio Comunale è avvenuta nella mattinata di lunedì

È ufficiale il rinvio delle scadenze Tari e Cosap a Cascina. Questa mattina, 16 marzo, infatti, il sindaco reggente Dario Rollo con delega al bilancio e fiscalità, ha portato in Giunta comunale la delibera inerente lo slittamento delle prossime scadenze di Tari e Cosap (canone occupazione spazi e aree pubbliche) così "da non gravare sulla cittadinanza con tasse o canoni comunali in un momento così delicato per l'intera città".

"Nello specifico - spiega il primo cittadino - il 30 aprile sarebbe stata in scadenza la prima rata dell'anno in corso della Tari e della Cosap. Siamo riusciti a posticipare la scadenza della prima rata al 30 giugno, senza che questo comporti sanzioni o interessi. Pertanto, per entrambi i tributi locali le nuove scadenze sono state posticipate al 30 giugno (pagamento unico o prima rata), 30 settembre (seconda  rata) e 31 ottobre (terza rata). Una manovra che vale circa 3 milioni di euro. Una mano tesa ai cittadini e alle tante categorie che in questo momento abbiamo il dovere di sostenere e aiutare nei limiti di quello che ci è consentito".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Poiché stiamo parlando di provvedimenti che spostano in avanti i pagamenti, ma non li annullano - prosegue Rollo - sulla Tari ci sentiremmo di farci promotori, insieme alle associazioni di categorie e sindacati, presso il Governo di una richiesta di intervento straordinario a copertura di quanto dovuto da parte delle imprese e lavoratori in difficoltà. L’intervento è tanto più necessario visto che per legge devono essere coperti gli interi costi del servizio e quindi il Comune in autonomia non può agire esentando solo una categoria di contribuenti. Da parte nostra c’è tutta la volontà di costruire insieme i percorsi che tutelino servizi, famiglie, imprese e lavoratori senza sperequazioni. Riteniamo che in larga parte gli oneri debbano essere in capo allo Stato, però non ci tiriamo indietro per quanto nelle nostre facoltà".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella sanità pisana e mondiale: è morto il professor Franco Mosca

  • Coronavirus: ricercatori Aoup svelano una possibile correlazione con l'infiammazione della tiroide

  • Coronavirus: stop alla distribuzione gratuita delle mascherine nelle farmacie

  • Coronavirus in Toscana, 12 nuovi casi: nel pisano 2 positivi in più e nessun decesso

  • Pratale-Don Bosco: muore in casa a 37 anni

  • Perde il controllo e si ribalta: il conducente esce prima che le fiamme distruggano l'auto

Torna su
PisaToday è in caricamento