Cronaca Vicopisano

Vicopisano, nuova vita per il camminamento e per la Torre del Soccorso

Il nuovo camminamento aprirà al pubblico il prossimo 2 ottobre. "E’ bello pensare che i nostri borghi tornano a vivere, è bello pensare che si possa costruire un turismo, diverso, alternativo fatto della visita a tante piccole, grandi, bellezze che la Toscana diffusa offre"

Riapriranno il prossimo 2 ottobre, in concomitanza con la festa patronale, il camminamento e la Torre del Soccorso di Vicopisano, facenti parte del complesso monumentale della Rocca, dopo i lavori di restauro, recupero funzionale e messa in sicurezza.
Al taglio del nastro ieri hanno partecipato il governatore Eugenio Giani, il presidente del Consiglio regionale Antonio Mazzeo, l’assessore all’Istruzione e alla Cultura Alessandra Nardini e il sindaco di Vicopisano Matteo Ferrucci. 
Un'opera che segna il coronamento di un programma dell'amministrazione comunale e della Regione Toscana, teso a riscoprire e a valorizzare il patrimonio storico e ambientale di cui è depositaria, promuovendo ogni forma di sinergia e di collaborazione sia con soggetti istituzionali sia con privati. Questo intervento infatti è stato realizzato dal Comune con il contributo della Regione e del Mibact.

Entusiasta il presidente dell’assemblea legislativa Antonio Mazzeo: “Io sono emozionato, venendo in macchina la prima volta qui, ho alzato gli occhi e ho visto questa grande bellezza, era il 9 gennaio del 2016. E proprio qui, a Vicopisano insieme all’allora sindaco, Juri Taglioli, insieme al vicesindaco, l’attuale primo cittadino, Matteo Ferrucci, insieme a Eugenio Giani, che allora era presidente del Consiglio regionale, lanciammo l’idea di finanziare le città murate”. “La Toscana è ovunque bella - ha proseguito il presidente del Consiglio regionale - è fatta di storia, di tradizioni, del genio dei tanti toscani. E vedere che quest’opera, un’opera avanguardista nel momento in cui fu realizzata, oggi torna a essere fruibile per i cittadini, per i turisti, è qualcosa di stupendo. E’ bello pensare che i nostri borghi tornano a vivere, è bello pensare che si possa costruire un turismo, diverso, alternativo fatto della visita a tante piccole, grandi, bellezze che la Toscana diffusa offre. Oggi è un giorno di festa non solo per Vicopisano, è un giorno di festa per la Toscana. Oggi si può dire che la buona politica paga, perché spesso si dice che la politica è solo parole, qui alle parole abbiamo fatto seguito con i fatti. Sono contento, felice ed emozionato. E voglio mandare un grande abbraccio a tutta la comunità di Vicopisano e al sindaco Matteo Ferrucci per averci creduto fin dall’inizio”.

“Noi - ha concluso Mazzeo - abbiamo una Regione che ha tante perle di bellezza che non siamo riusciti a valorizzare come dovremmo. Oggi poter salire sul camminamento che è stato realizzato da uno dei più grandi toscani (Filippo Brunelleschi, ndr), pensare che possiamo riviverlo noi, oggi, ma tante cittadine e tanti cittadini nelle prossime settimane, mi dà il senso che qualcosa in questi anni abbiamo fatto, e mi fa pensare che la strada che il presidente Giani ha tracciato sia una strada giusta e corretta. Una strada che anche io come presidente del Consiglio regionale devo portare avanti: stare nelle comunità essere presente, cercare di ascoltare. Finisco con una frase che porto come segno del mio impegno: la politica se non riesce a stare all’altezza degli occhi delle persone, e se non riesce trasformare quei bisogni in risposte concrete, non dà il senso del perché del nostro impegno”.

"Sono stata felicissima di partecipare all'evento inaugurale e voglio davvero congratularmi con l'attuale amministrazione comunale e con le precedenti per la tenacia con cui hanno perseguito questo obiettivo e per aver creduto nella valorizzazione del patrimonio storico e artistico di Vicopisano e del suo borgo murato" commenta l'assessore Alessandra Nardini.

Il sindaco di Vicopisano Matteo Ferrucci: “E’ una grande occasione, è una giornata di festa per la comunità, per tutti i cittadini, per tutto il Comune. E’ un sogno che si realizza e quando i sogni si realizzano danno veramente nuova energia, nuova energia e determinazione per continuare a volerne realizzare altri. Quest’opera la volevamo fortemente, dopo più di 450 anni, le persone torneranno a percorrere ‘il Soccorso’ questo camminamento voluto dal genio di Filippo Brunelleschi. E si spera che tante persone, e sempre di più, ci vengano a trovare a Vicopisano. Ma in tutto il Monte Pisano stiamo facendo un lavoro di sinergia con gli altri comuni per renderlo una vera destinazione turistica. Per un turismo, lento, verde e sostenibile”.

Tutto è iniziato con la legge regionale 46/2016 sulle città murate e il relativo bando, sostenuto da un fondo ad hoc del Consiglio regionale della Toscana grazie al quale il Comune ha ricevuto 120.000 euro. Analoga cifra, dopo quella della Regione, è stata messa a disposizione dal segretariato generale del Ministero della Cultura, il Comune ha coperto il resto dei costi. Il recupero e il restauro del borgo di Vicopisano ha visto fin qui il recupero delle antiche mura, di sei torri, e di altre due torri private.
Con la famiglia Fehr, e i fratelli Andrea e Pietro, proprietari del bene, il Comune ha stipulato una convenzione che lo mette a disposizione dell'amministrazione e della collettività, affidato in gestione alla società cooperativa Capitolium, come la Torre dell'Orologio. Il resto del Complesso Monumentale continuerà invece a essere curato dal professor Giovanni Ranieri Fascetti e dal Gruppo Culturale Ippolito Rosellini. Prossimo impegno è il recupero della Torre degli Upezzinghi di Caprona.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vicopisano, nuova vita per il camminamento e per la Torre del Soccorso

PisaToday è in caricamento