rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca Castelfranco di Sotto

Castelfranco di Sotto: al via gli interventi di recupero di Porta a Caprugnana

I lavori saranno effettuati dai privati proprietari che potranno godere di agevolazioni per restituire decoro all'edificio del centro storico

Continuano i lavori alle antiche torri del Centro Storico di Castelfranco di Sotto. Questa volta oggetto dei lavori sarà la Porta di San Michele in Caprugnana, insieme all’edificio adiacente. Partiranno nei prossimi giorni gli interventi di recupero della struttura che da anni verte in condizioni di forte degrado e sul quale l’amministrazione comunale da oltre un anno ha portato avanti un confronto con la proprietà privata.
L’intervento, coerente con il regolamento comunale del colore e dell’arredo urbano del centro storico recentemente modificato, prevede un parziale ripristino della muratura a faccia vista (se in buone condizioni) così come un recupero degli elementi di pregio architettonico che dovessero manifestarsi sotto l’attuale intonaco. Nelle restanti parti verrà fatta una complessiva opera di ripulitura e imbiancatura.

Questi lavori previsti sono ad opera dei privati proprietari che, oltre al 'bonus facciate' statale, beneficeranno delle agevolazioni finanziarie per il rifacimento di facciate di edifici situati nel Centro Storico in conformità al “disciplinare per la concessione delle agevolazioni finanziarie per il rifacimento di facciate di edifici situati nel centro storico di Castelfranco - anno 2021” approvato con delibera di Consiglio comunale ad inizio maggio scorso. Il Comune di Castelfranco di Sotto s’impegna infatti ad offrire un sostegno per la realizzazione degli interventi che copre il 10% (fino ad un massimo di 3000 € o maggiore in particolari casi motivati) del 'Bonus Facciate': la detrazione fiscale delle spese sostenute per interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna di edifici situati in 'zone A' ovvero i centri storici. In questo modo, in pratica, le opere di rifacimento delle facciate diventano a costo quasi a zero.

“Quello di Porta a Caprugnana è un intervento effettuato da privati ma rientra in un percorso di confronto e stimolo che l’amministrazione comunale sta portando avanti dialogando con i proprietari degli edifici recuperabili - ha spiegato il sindaco Gabriele Toti - grazie alla misura di sostegno che abbiamo messo in campo, forniamo un supporto concreto per interventi edilizi di recupero e manutenzione straordinaria nel cuore del paese”.
“Torre a Caprugnana per troppi anni è stata simbolo di degrado e un pessimo biglietto da visita ma grazie a questi interventi rappresenterà il simbolo della rinascita del centro storico di Castelfranco. Questo recupero è un tassello importante che si va ad aggiungere al percorso di rivalutazione che stiamo portando avanti - ha commentato Federico Grossi, assessore al Centro Storico - dopo il ripristino dei chiassi, i lavori di illuminazione e il rifacimento dell’intonaco di Porta a Catiana, affideremo entro la fine dell’anno gli importanti interventi di restauro alla Torre Campanaria, Porta San Pietro e Vigesimo, grazie al contributo della Regione Toscana a valere sul bando 'Città Murate 2021'. Un percorso faticoso e impegnativo che necessita di un costante confronto con i tanti proprietari privati ma che ci riempie di soddisfazione ogni qual volta raggiungiamo l’obiettivo prefissato”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Castelfranco di Sotto: al via gli interventi di recupero di Porta a Caprugnana

PisaToday è in caricamento