Cronaca Cisanello / Via Giuseppe Garibaldi

Centro di prima accoglienza di via Garibaldi: "Perchè la ristrutturazione non è ancora iniziata?"

Una Città in Comune e Prc hanno depositato mercoledì un'interpellanza in cui chiedono a sindaco e giunta comunale chiarimenti sull'immobile chiuso nel settembre del 2013. Auletta: "Il bando per assegnare i lavori doveva essere pubblicato già un anno fa"

"Come mai, a quasi un anno e mezzo dalla sua chiusura, non è ancora stata indetta la gara per l'assegnazione dei lavori? Esiste davvero la copertura finanziaria necessaria per la ristrutturazione dell'immobile?". Sono solo due delle domande contenute nell'interpellanza, depositata questa mattina, con la quale Una Città in Comune e Prc chiedono al Sindaco e alla Giunta comunale chiarimenti in merito alla ristrutturazione del Centro di prima accoglienza per immigrati di via Garibaldi. "Il Centro è stato chiuso nel settembre del 2013 perchè doveva essere ristrutturato - spiega Ciccio Auletta di Una Città in Comune - ma ad oggi, nonostante gli annunci e le promesse dell'assessore Capuzzi, la ristrutturazione non è ancora partita e non sappiamo se e quando partirà. Il bando per i lavori, infatti, non è ancora stato pubblicato nonostante lo stesso assessore, un anno fa, avesse garantito che entro febbraio del 2014 la gara sarebbe stata resa pubblica".

Secondo le delibere pubblicate sul sito della Società della salute per ristrutturare il Centro servirebbe una cifra che si aggira intorno ai 600mila euro. "Circa un terzo di questa cifra - prosegue Auletta - doveva essere recuperata attraverso i co-finanziamenti del Comune di Pisa che l’ente ha garantito per progetti inseriti negli interventi programmati nel 2005-2006. Tra queste fonti di finanziamento, però, c’è ad esempio anche il progetto ministeriale Unrra di circa 70 mila euro, un finanziamento andato perso perché non speso nei tempi previsti e per le finalità dichiarate dal progetto. Inoltre, per coprire tutte le spese dell’intervento, si prevede che 100 mila euro siano erogati dal soggetto che gestirà il centro. Ma nulla si sa dei tempi e delle modalità con cui verrà assegnata questa gestione. Per cui ci chiediamo: esistono davvero le risorse per ristrutturare l'immobile? Se la risposta è si allora come mai non è ancora stata indetta la gara per l'assegnazione dei lavori?".

Intanto, per svolgere temporaneamente le funzioni della struttura di via Garibaldi, il Comune ha scelto di prendere in affitto un alloggio in via D'annunzio. "Il Centro di via Garibaldi accoglieva fino a 22 persone - continua Auletta - mentre nel nuovo progetto, così come nella sistemazione temporanea di viale D'Annunzio, ci saranno solo 9 posti a disposizione. In una fase in cui l’emergenza sociale, dovuta anche alla crisi, cresce sempre più, perché si diminuiscono i posti di una struttura che, dati alla mano, ha sempre avuto un’altissima frequentazione? E perchè si è deciso di chiudere la struttura prima di avere le necessarie garanzie finanziarie? Perchè, infine, rivolgersi al mercato privato in presenza di tanti immobili di proprietà pubblica inutilizzati?".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centro di prima accoglienza di via Garibaldi: "Perchè la ristrutturazione non è ancora iniziata?"

PisaToday è in caricamento