Tracce della Pisa medievale negli scavi del giardino della chiesa di San Sisto

Si è conclusa la prima fase del San Sisto Project, il progetto di scavo promosso dal Dipartimento di Civiltà e forme del sapere dell’Università di Pisa: riaffiorati i resti della città medievale e alcuni cimeli etruschi

Nell'Alto Medioevo la zona che attualmente è compresa tra Piazza dei Cavalieri e via Paoli era il fulcro commerciale, istituzionale e culturale della città. Pisa si avviava a ricoprire il ruolo di protagonista sulle acque del Mediteranneo e costruire i fasti della Repubblica marinara. Gli scavi condotti da una squadra di 25 tra studenti e archeologi professionisti, coordinati dal Dipartimento di Civiltà e Forme del sapere , stanno riportando alla luce resti e cimeli di quella Pisa che fu e anche dell'insediamento risalente a molti secoli prima. Addirittura fino agli Etruschi. 

La chiesa di San Sisto, intitolata al primo santo patrono di Pisa, viene fatta risalire al 1087 ed è la protagonista del 'San Sisto Project' diretto da Federico Cantini, Professore ordinario di Archeologia cristiana e medievale del Dipartimento di Civiltà e Forme del sapere. I risultati raggiunti in questa prima fase di lavoro sono stati illustrati alla presenza del rettore Paolo Mancarella, del prorettore ai rapporti con il territorio Marco Gesi, del direttore del Dipartimento  Pierluigi Barrotta e di don Francesco Barsotti, parroco di San Sisto. "L'apertura degli scavi nel giardino della Chiesa di San Sisto - ha commentato il rettore - è un segno importante della ripresa di molte delle attività di studio e di ricerca dell'Università di Pisa in questa Fase 3. Per tre anni, sotto la guida del professor Federico Cantini, personale e studenti del nostro Ateneo indagheranno una delle aree di maggior interesse storico della nostra città. Un lavoro impreziosito dal fatto che saranno resi partecipi delle nuove scoperte tutti coloro che a Pisa vivono, lavorano o semplicemente sono di passaggio per visitare la nostra splendida città".

Durante questa prima indagine sono state aperte tre aree di scavo: una nei pressi della canonica e due lungo la fiancata della chiesa. In questa zona è stata messa in luce la soglia della porta corrispondente al pavimento medievale, che si trovava circa 20 centimetri più in basso di quello odierno. Addossate alle fondamenta della chiesa, si intravedono grandi lastre di pietra che potrebbero essere interpretate come coperture di tombe. Nelle altre aree di scavo sono stati raggiunti i livelli di 13°-14° secolo, individuando le tracce di attività di lavorazione dei metalli e cumuli di piccole lastre di pietra, che potrebbero appartenere al tetto più antico della chiesa o a qualche costruzione adiacente. Una grande trincea testimonia lavori edilizi che si collocano all’inizio del Seicento in base al suo riempimento, fatto di macerie miste a numerosi frammenti di ceramica: resti di stoviglie decorate in alcuni casi con stemmi araldici, tra i quali si riconosce quello della famiglia Medici.

Al di là dello scavo, si è scoperto con grande sorpresa che le spallette delle aiuole del giardino sono in realtà manufatti di pietra provenienti da edifici medievali o dalla stessa chiesa di San Sisto, restaurata alla fine del Settecento. "Se ad oggi lo scavo ci ha permesso di raggiungere gli strati di 13°-14° secolo, con il proseguimento delle ricerche avremo la possibilità di indagare anche i depositi altomedievali e antichi - commenta Cantini - molti sono infatti i reperti ceramici databili fino agli inizi del 6° secolo a.C. rinvenuti in contesti più tardi. Essi provengono da tutte le aree di scavo, suggerendo che la zona fosse intensamente abitata ben prima della 'Corte vecchia' citata nei documenti. Sarà interessante capire la destinazione di quest’area nella fase romana e in quella etrusca, per verificare se la centralità assunta nel Medioevo affondi le sue radici in epoche ben più remote".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La ricerca rientra nelle iniziative finanziate con i fondi del Progetto di Eccellenza del Dipartimento: il progetto prevede il coinvolgimento del Laboratorio LaDiRe del Dipartimento di Civiltà e Forme del sapere (rilievo e documentazione grafica), del Dipartimento di Scienze della Terra (prospezioni, carotaggi) e del CNR di Pisa (analisi archeometriche).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana, nuovo picco: 2.765 positivi, 326 a Pisa

  • Coronavirus in Toscana: più di 1.800 i nuovi casi, 5 decessi a Pisa

  • Coronavirus in Toscana, casi positivi in aumento: superata quota 2mila in 24 ore

  • Cisanello, ambulanze in fila per l'area Covid: "In piena fase emergenziale, serve la collaborazione di tutti"

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Coronavirus in Toscana, quasi 2mila nuovi casi positivi nelle ultime 24 ore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento