Cronaca

Castelfranco: ritardi nella consegna dei bollettini Tari 2020

Il primo acconto si potrà pagare entro il 15 settembre 2020. Nessun aumento sulle tariffe

A causa di alcuni ritardi verificatisi nella distribuzione della bollettazione dell'acconto TARI 2020 (Tassa dei rifiuti) nel Comune di Castelfranco di Sotto, non tutti i cittadini hanno ricevuto la notifica di pagamento nei tempi consoni per poter rispettare le scadenze. Il Comune rassicura la cittadinanza che la prima rata in scadenza oggi 31 luglio 2020 potrà essere pagata senza more/sanzioni o interessi entro il 15 settembre 2020.

"Registriamo con rammarico che ad oggi molte utenze ancora non hanno ricevuto la prima bolletta TARI 2020 - ha commentato il sindaco Gabriele Toti - ci scusiamo del disagio e ci teniamo a rassicurare tutti i cittadini e le utenze non domestiche che la prima rata dell'acconto in scadenza oggi potrà essere pagata nei termini della seconda, ovvero il 15 settembre".

Consapevole delle difficoltà che stanno vivendo le famiglie e le aziende in questo momento storico l’Amministrazione Comunale ha deciso di confermare le tariffe del 2019, senza applicare nessun aumento. Inoltre, entro fine settembre, verrà approvato un bando straordinario con importanti risorse economiche a sostegno dei cittadini che riscontrano particolari criticità, come pensionati, disoccupati, giovani coppie nonché esercizi commerciali con vendita al dettaglio che sono stati chiusi durante il periodo di lockdown.

"Sarà uno sforzo economico straordinario per il Comune di Castelfranco ma dobbiamo riuscirci - ha aggiunto il Sindaco - ma il nostro obiettivo è quello di aiutare le tante persone ed operatori economici provati dall’emergenza Covid-19 e useremo tutte le risorse a nostra disposizione per farlo". Per informazioni è possibile contattare l’ufficio tributi: tel. 0571487305, mail r.nuti@comune.castelfranco.pi.it; m.donati@comune.castelfranco.pi.it.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Castelfranco: ritardi nella consegna dei bollettini Tari 2020

PisaToday è in caricamento