Ritrovata la locomotiva del trammino: "Lavoriamo per riportarla in piazza Baleari"

E' l'unica ad essersi salvata dalla demolizione. Il Comune ha allo studio un progetto per recuperarla e valorizzarla

Per anni ha sbuffato sui binari di Pisa, in servizio sulla linea Pisa-Pontedera e poi sulla Pisa-Boccadarno. È la locomotiva 'Dante Alighieri', la terza delle sei acquistate come prima dotazione delle tranvie a vapore pisane. Venne costruita nel 1883 dalla tedesca Henshel e Sohn di Cassel. Verosimilmente rimase in attività a Pisa fino agli anni ‘20 del Novecento. È giunta sino ai giorni nostri evitando la demolizione e ora il Comune ha allo studio un progetto per il suo recupero e valorizzazione. Nei giorni scorsi, infatti, una delegazione guidata dall’assessore al Turismo Paolo Pesciatini, composta dal professor Fabio Vasarelli, dal signor Luciano Duè e dal personale del Comune, si è recata a Padova dove è custodita, in un capannone privato.

"La locomotiva - dice Paolo Pesciatini - è in buono stato di conservazione. Era uno dei miei obiettivi quello di ritrovarla e ora stiamo lavorando per riportarla a Pisa, dove prese servizio nei primi anni del collegamento del trammino con il litorale. È mia ferma intenzione pertanto di valorizzarla al massimo, tra le possibili soluzioni c’è anche quella di una sistemazione nella piazza delle Baleari a Marina di Pisa, esattamente sul tracciato della vecchia linea che sarà presto valorizzato con la pista ciclopedonale. Ringrazio pertanto i componenti della delegazione e gli uffici comunali per l’impegno nel riuscire a concludere questa operazione che potrà avvenire attraverso un comodato gratuito con l’attuale proprietario".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le vicende di questa locomotiva sono piuttosto burrascose, ma è stata salvata dalla demolizione, la sorte toccata a tutte le altre locomotive delle tranvie negli anni Cinquanta, compresa la gemella n.6 'Dante Alighieri'. Negli anni '20 la locomotiva venne ceduta al servizio della ferrovia mineraria di Monterufoli, per poi finire sulla tranvia Bologna-Cento. Nel dopoguerra lavorò allo zuccherificio di Rieti e poi in Veneto, in uno zuccherificio della stessa proprietà. A metà degli anni ’80 finito il servizio è destinata alla demolizione ma finisce nelle mani dell’attuale proprietà e da allora è apparsa in qualche esposizione storica. La macchina pesa a vuoto circa 14 tonnellate, è lunga 6,7 metri e larga 2,65 metri. Con la ciminiera installata raggiunge oltre 3 metri di altezza da terra. Al momento non è posata su binario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovato morto con una freccia di balestra nel petto

  • Auto contro moto a San Giuliano Terme: muore 31enne

  • Coronavirus in Toscana: solo 5 i nuovi casi, 2 i decessi

  • Coronavirus in Toscana, 12 nuovi casi: nel pisano 2 positivi in più e nessun decesso

  • Coronavirus in Toscana, solo 3 i nuovi casi: a Pisa zero nuovi contagi e nessun decesso

  • Toscana Aeroporti: Gina Giani rassegna le sue dimissioni

Torna su
PisaToday è in caricamento