menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Vettola, crudeltà contro animali: ritrovate due tartarughe impiccate

Le due testuggini sono state rinvenute ai laghetti ex Fips, punto di incontro di molti pescatori che potrebbero aver compiuto il gesto scellerato. "E' stata violata la legge sul maltrattamento di animali" affermano dal WWF

Sono state rinvenute dalle Guardie Ambientali Volontarie della provincia di Pisa due testuggini d’acqua dolce di origine americana. Impiccate. Con la lenza dei pescatori. Il luogo del ritrovamento, come si legge in un comunicato della GeaPress, è uno dei tre laghetti ex FIPS in località La Vettola.

Gli animali erano stati verosimilmente tirati a riva dai pescatori che hanno poi messo in atto la tremenda sevizia, lasciandoli penzoloni con il cappio di nylon attorno al collo. Si tratta, secondo il WWF, di un vero e proprio atto di crudeltà e per tale motivo la notizia di reato contro ignoti è stata trasmessa alla Procura della Repubblica di Pisa. Violazione della legge sul maltrattamento di animali, il reato contestato.

Il luogo del rinvenimento, ovvero i laghetti ex FIPS, era fino a poco tempo addietro gestito proprio come zona adibita alla pesca d’acqua dolce. Il proprietario ha poi chiuso l’attività e da allora, il luogo, è diventato punto di incontro di vari pescatori.

“La provincia di Pisa - ha dichiarato a GeaPress Guido Nassi, Coordinatore Guardie WWF di Pisa - ha stampato un opuscolo multilingue con lo scopo di informare sugli adempimenti necessari per andare a pescare. La pesca illegale - ha concluso Nassi - continua, però, ad essere molto diffusa“.

Le due testuggini appartengono ad una specie originaria degli Stati Uniti: la Trachemys scripta scripta, importata dai commercianti di animali per rifornire una delle mode più disastrose, in termini di vite consumate tra le mura di casa, degli ultimi decenni. L’arrivo nei negozi di animali della specie di testuggine ora rinvenuta nei laghetti in provincia di Pisa fu successivo al divieto di importazione della cosiddetta "tartarughina guance rosse". Quest’ultima, importata a milioni, venne infine interdetta alla vendita per problemi sanitari e di ordine protezionistico. I commercianti, però, la rimpiazzarono subito con altre specie.

Gli animali, una volta adulti, raggiungono dimensioni ragguardevoli e, per questo, in molti casi, finiscono gettate un pò ovunque. Dai laghetti delle ville cittadine, così come nei fiumi e laghi naturali. Ora anche la Trachemys scripta scripta inizia a rinvenirsi negli ambienti naturali.


Foto WWF Pisa

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Riaperto il Museo della Geotermia di Larderello

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento