Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

Università: piccoli robot subacquei per costruire reti wireless in mare

Al progetto di ricerca europeo UAN hanno lavorato i ricercatori del Centro Piaggio con l'obiettivo di realizzare sistemi di monitoraggio ambientale e raccolta dati per controllare la salute dell'ambiente marino

Il robot si è spostato nelle acque norvegesi andando a posizionarsi dove la rete di comunicazione tra i sensori di temperatura era migliore, permettendo così la trasmissione dei dati tra i nodi del network e la stazione centrale di controllo. Con l’esperimento nel fiordo di Trondheim, effettuato lo scorso mese di maggio, si è concluso con successo il progetto di ricerca europeo UAN (Underwater Acoustic Network) coordinato dal professor Andrea Caiti del Centro “E. Piaggio” dell’Università di Pisa e finalizzato alla realizzazione di reti wireless capaci di controllare robot sottomarini per monitorare l’ambiente e raccogliere dati di varia natura.

“La comunicazione sotto la superficie del mare è problematica e condizionata da fattori moto variabili, come l’oceanografia locale, la temperatura, il grado di salinità dell’acqua e la profondità - spiega Caiti - i nostri robot sono in grado di costruire reti di comunicazione acustica sottomarina efficaci, che potranno essere utili per realizzare sistemi per la sorveglianza di siti subacquei ad accesso limitato - come quelli delle aree marine protette o di interesse archeologico, di infrastrutture industriali o portuali lungo la costa - e allo stesso tempo capaci di misurare parametri importanti per il controllo dello stato di salute dell’ambiente marino, come temperatura, salinità e inquinamento dell’acqua”.

Gli esperimenti preliminari del progetto UAN si sono svolti nel 2010 a Pianosa, dove sono state provate singolarmente le varie componenti della rete. Dopo altri due test in Portogallo e a Genova, il team di ricerca è approdato in Norvegia, dove per l’Università di Pisa erano presenti Vincenzo Calabrò e Andrea Munafò, collaboratori del professor Caiti. Per l’esperimento è stato utilizzato il robot "Folaga", un piccolo veicolo lungo 2 metri, con un diametro di 12 centimetri e pesante 30 kg, su cui era stato applicato un sensore di temperatura. I ricercatori hanno potuto verificare che il robot, navigando nella trafficata zona portuale del fiordo, sapeva lavorare in autonomia, sapeva rispondere ai comandi inviati dalla stazione centrale e, nel caso simulato di perdita della rete, sapeva reinserirsi nella rete autonomamente. “Il robot è stato in grado di trovare e raggiungere i punti in cui la trasmissione e ricezione dati era di volta in volta migliore - aggiunge Caiti - In questo modo si possono contrastare gli effetti di disturbo dovuti all’ambiente marino, come la variazione di temperatura, la salinità o il rumore, e viene garantita una la qualità della trasmissione fra i nodi della rete”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Università: piccoli robot subacquei per costruire reti wireless in mare

PisaToday è in caricamento