Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

San Miniato, il governatore Rossi aggredito con un secchio di escrementi

Il presidente della Regione Toscana era alla Festa dell'Unità per presentare il suo libro. L'azione è stata compiuta da un allevatore contrario ad alcune restrizioni sulla macellazione

Il palco luogo dell'aggressione (foto dall'account Facebook del consigliere regionale Antonio Mazzeo)

Un vero e proprio assalto. Il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi è stato aggredito e colpito con una secchiata di escrementi alla Festa dell'Unità a San Miniato. Rossi doveva presentare il suo ultimo libro, 'Rivoluzione socialista', quando un allevatore, contrario ad alcune restrizioni regionali sulla macellazione, ha sorpreso tutti con un gesto più che dimostrativo, con l'uomo che prima di colpire avrebbe anche spinto a terra il governatore.

L'azione è stata rapida, poi nei momenti concitati successivi l'aggressore è stato bloccato. Rossi è andato a ripulirsi dal letame, ed una volta accertato che non c'erano ferite o lesioni è tornato a salutare la platea, raccogliendo la solidarietà degli intervenuti.

"Sono stato aggredito da un violento alla festa dell'Unità di San Miniato - scrive il governatore Rossi su Facebook - mi ha scaricato addosso un secchio di letame. Mi sono lavato e rivestito con abiti prestati dai compagni e ho ripreso il dibattito in altro luogo della festa, che purtroppo era disturbato dalla musica del ballo. Se pensano di fermarmi così si sbagliano di grosso. Ai compagni di San Miniato dico che ci rivedremo a settembre per discutere insieme il mio libro 'Rivoluzione socialista'".

Su Facebook subito espressa condanna dell'aggressione e vicinanza al politico da parte di tanti cittadini ed anche consiglieri regionali. Antonio Mazzeo parla di "atto gravissimo. Si possono avere idee diverse, si può contestare e protestare. Ma il rispetto è e deve essere alla base di tutto. La mia piena e totale solidarietà al presidente della Regione e la più ferma condanna a chi ha compiuto un gesto, semplicemente, inqualificabile".

Sulla stessa lunghezza d'onda anche Alessandra Nardini: "Sono sconvolta, questa aggressione lascia sgomento tra le tante persone che erano venute qui. Enrico ? tornato poi a salutarle. Perché la violenza non ci ferma. Piena solidarietà al Presidente che non si è mai sottratto al confronto. Un gesto gravissimo, barbaro e incivile. Inaccettabile".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Miniato, il governatore Rossi aggredito con un secchio di escrementi

PisaToday è in caricamento