Lunedì, 21 Giugno 2021
Cronaca San Piero a Grado

Rotatoria di San Piero a Grado: dal Cipe arriva il via libera al finanziamento dei lavori

L'intervento permetterà di mettere in sicurezza lo svincolo. Filippeschi: "Grazie a tutti coloro che si sono impegnati per questo risultato. Ora vogliamo sapere quando si aprirà il cantiere"

Il flash mob di protesta del 16 luglio scorso

"Sono veramente felice di avere ricevuto da palazzo Chigi la notizia che nella riunione di stasera il Cipe ha finalmente dato il via libera definitivo al piano economico finanziario per la rotatoria di San Piero a Grado. A breve partiranno i lavori". E' l'annuncio fatto sul suo profilo Facebook ieri, mercoledì 10 agosto, dall'onorevole Federico Gelli, deputato in parlamento per il Pd che, sulla questione, ha sempre tenuto vivo l’argomento nelle sedi opportune a Roma.

L'intervento permetterà di mettere in sicurezza uno svincolo, quello all'intersezione fra il raccordo della Fi-Pi-Li, l'autostrada A12 e la strada provinciale del mare, in cui negli ultimi anni si sono verificati diversi incidenti, alcuni anche mortali."La notizia positiva che aspettavamo - commenta il sindaco di Pisa, Marco Filippeschi - è arrivata. Il Cipe ha deliberato e nella delibera c'è anche il finanziamento per la rotatoria di San Piero a Grado. Voglio ringraziare tutti coloro che si sono impegnati. Istituzioni e cittadini. Dal prefetto, Attilio Visconti, alla presidente del Ctp 2 Benedetta Di Gaddo. Dalle associazioni del quartiere ai singoli cittadini che hanno partecipato alla manifestazione del 16 luglio".

Il caso si trascinava avanti da diverso tempo. Due anni fa venne firmato in prefettura un accordo con il quale si annunciava la realizzazione della rotatoria entro la fine del 2014. Da allora, nonostante i continui solleciti, niente era però stato fatto. L'ente responsabile del tratto in questione è la Salt, che attendeva però gli stanziamenti del Governo per partire coi lavori; mancava infatti il via libera del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti al piano economico proposto dalla stessa Salt, in cui si prevede che la rotonda sia finanziata con i ricavi del pedaggio autostradale. L'immobilismo del Governo aveva portato anche a una clamorosa protesta con tantissimi cittadini che, guidati dal sindaco Filippeschi, avevano dato vita ad un flash mob di protesta, bloccando il traffico nei pressi dello svincolo per circa una mezz'ora.

"Ci sono voluti anni, con pressioni e iniziative, ma non ci siamo mai arresi alla resistenza delle burocrazie. Siamo stati uniti per un obiettivo molto importante. Ora dobbiamo monitorare l'impegno di Anas e Salt. Lo faremo, da domani, appena avremo il testo della deliberazione, con il massimo rigore. Il progetto c'è, con tutte le autorizzazioni necessarie. Il finanziamento, anche. Ora vogliamo sapere quando si aprirà il cantiere dei lavori. I cittadini hanno diritto di sapere e di controllare".

Soddisfatta anche la presidente del Ctp 2, Benedetta Di Gaddo. "Siamo felici - afferma Di Gaddo - che l'obiettivo sia stato raggiunto. E' una risposta ad un'esigenza di sicurezza stradale che non poteva rimanere lettera morta. I cittadini si sono mobilitati a fianco delle istituzioni e sarebbero stati pronti a farlo di nuovo. Li abbiamo coinvolti e hanno risposto: è stata una bella prova di coesione di una comunità, senza barriere d'appartenenza politica. Ora vigileremo perché il risultato della nostra battaglia diventi concreto e visibile".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rotatoria di San Piero a Grado: dal Cipe arriva il via libera al finanziamento dei lavori

PisaToday è in caricamento