Scaricano 20 sacchi di rifiuti non conformi alla Revet, ma vengono ripresi: "Scusatevi o vi denunciamo"

L'azienda lancia l'appello: "Crediamo nell'educazione, se entro 48 ore veniamo contattati non ci rivolgeremo alle autorità"

Abbandonatore di rifiuti cercasi. La Revet, in una nota, espone il caso avvenuto lo scorso venerdì 11 settembre: "Intorno alle 20.40 alcune persone a bordo di un furgone bianco hanno scaricato all’esterno dello stabilimento Revet una ventina di sacchi neri contenenti rifiuti indifferenziati, che non erano stati accettati da Geofor in quanto 'rifiuto non conforme'. Un gesto sconsiderato e poco rispettoso delle normali regole di civiltà, ma fortunatamente le telecamere di sorveglianza di Revet hanno registrato l’intera operazione e fotografato la targa del mezzo, così che i responsabili potranno essere denunciati alle autorità competenti per abbandono di rifiuti".

Poi l'apertura e l'appello a farsi avanti: "Crediamo - scrive l'azienda - tuttavia che l’educazione sia ancora un valore di civiltà da perseguire in tutti i modi, pertanto Revet ha deciso di concedere 48 ore ai responsabili (quindi entro venerdì 18 settembre alle 20) per farsi vivi e scusarsi (telefonando al numero 0587/27211 oppure scrivendo a info@revet.com), rimborsando a Revet unicamente le spese sostenute per la rimozione dei materiali e per il loro corretto smaltimento, ma evitando la denuncia alle autorità competenti".

rifiuto non conforme

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Strutture sociosanitarie: focolai in tre centri del pisano

  • Positivo al Covid si barrica nella stanza dell'ospedale Cisanello

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Coronavirus in Toscana: 2.200 casi, 48 decessi

  • Coronavirus in Toscana, calano i nuovi positivi: sono 1972

Torna su
PisaToday è in caricamento