Staffoli: annullata la sagra delle pappardelle per 'salvare' la ristorazione

Sulla vicenda interviene Confcommercio Pisa: "Decisione giustissima, sia un esempio per tutti"

Annullata la 38° sagra della pappardella alla lepre di Staffoli, in programma dal 2 al 26 luglio, è annullata. Lo rendono noto gli organizzatori. "Non ce la siamo sentita - scrivono su Facebook - di cominciare i lavori" per realizzare la sagra "con un futuro così incerto. L’investimento è importante e per sostenerlo abbiamo bisogno delle iniziative che periodicamente vi proponiamo. Abbiamo riflettuto un po' sulla possibilità di organizzare la sagra noleggiando una cucina da campo, che avrebbe risolto in parte il problema. Però ci siamo chiesti: 'sarebbe giusto?' Sarebbe giusto per tutte le attività di ristorazione della zona che sono state ferme per mesi e che vivono del loro lavoro? No, non sarebbe giusto. La sagra per noi è molto più che un passatempo, ma non è un lavoro. A luglio è troppo presto per riaprire ed è giusto che chi vive di ristorazione abbia la precedenza. Presto saremo ancora assieme".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sulla vicenda interviene Confcommercio Pisa. "Da Staffoli - commenta il direttore di Confcommercio Pisa Federico Pieragnoli - arriva un segnale molto importante, che deve risuonare in tutta la provincia di Pisa: quest'anno sagre o feste non devono esistere sul nostro territorio. Sarebbe il colpo di grazia per i ristoranti e i tanti imprenditori del settore". Per Pieragnoli si tratta di "una decisione di buon senso e di rispetto per le attività di ristorazione che dovrebbe essere presa ad esempio da tutte le altre associazioni e Pro Loco della provincia. Nel periodo estivo il proliferare di sagre e feste paesane incide moltissimo sul lavoro dei ristoratori, ma quest'anno in particolar modo rischia di fa crollare un intero settore. Parliamo di un fenomeno che ogni anno rappresenta una vera e propria concorrenza sleale a danno di professionisti e attività qualificate, già messe in ginocchio quest'anno dall'emergenza Covid-19, e ci auguriamo che tutti seguano l'esempio di Staffoli. Non organizzare una sagra oggi significa non vedere una saracinesca abbassata domani. Questa decisione è un sostegno concreto al lavoro dei tanti imprenditori che rappresentano un presidio fondamentale per la comunità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali a Cascina: è ballottaggio tra Betti e Cosentini

  • Elezioni regionali Toscana 2020, le proiezioni: Giani in vantaggio

  • Elezioni Regionali, Ceccardi sconfitta anche nella sua Cascina

  • Incidente stradale davanti allo stadio a Pontedera: muore 30enne

  • Covid a scuola: due classi di licei pisani in quarantena

  • Coronavirus a scuola, tre studenti positivi: quarantena per compagni di classe e insegnanti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento