Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca

San Giuliano Terme: "La guerra tra poveri nel paese delle terme"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

A noi non interessa entrare nel merito di polemiche, i problemi vanno affrontati e risolti e sicuramente la gestione dei servizi, del personale e degli appalti a San Giuliano Terme rappresenta un problema

Avete presente la guerra tra poveri? Il comune di San GIuliano Terme sostiene la sua società in House Geste, una parte  non indifferente del bilancio è impegnata a sostegno della stessa. Allo stesso tempo la gestione del personale e dei servizi in Geste non sempre funziona e non certo per responsabilità del personale. Diminuiscono i plessi da pulire e nel capitolato delle pulizie è prevista la riduzione da parte del Comune dei servizi (e dei costi), solo che dimentichiamo le conseguenze pratiche di questa decisione: riduzione delle ore e del salario per lavoratrici già in part time.

 Ci sono doveri morali ed etici degli enti pubblici verso le lavoratrici e i lavoratori ai quali l’amministrazione non potrà sottrarsi: tutelare i salari e i posti di lavoro, non chiediamo di pagare con i soldi pubblici servizi non piu’ erogati ma di studiare tutte le forme possibili a salvaguardia di chi guadagna poche centinaia di euro (verrebbe da scrivere decine) al mese.

Nel marzo scorso, la Giunta comunale ha deliberato i nuovi indirizzi a Geste. Vediamoli insieme: riduzione del costo del lavoro e delle spese di personale, riduzione degli organici (anche attraverso incentivi per la pensione anticipata,), indicazioni per contenere ai minimi termini la contrattazione di secondo livello e il costo della stessa, Gli indirizzi della Giunta vanno verso la riduzione drastica della reperibilità e dello straordinario, i salari del personale Geste dovranno diminuire rispetto agli anni precedenti.

Nell’atto di indirizzo non troviamo invece indicazioni su come far funzionare meglio i servizi e la gestione del personale, non si ascoltano i sindacati pensando solo a far quadrare i conti. Il ragionamento da fare è ben altro: la Geste ha un futuro? Si pensa di cedere servizi e personale e con quale rapporto tra costi e benefici? Il contenimento della dinamica salariale è il solo obiettivo perseguibile? Pensiamo di no perché si lascerebbero fuori non solo gli interessi della forza lavoro ma anche della cittadinanza che paga le tasse per i servizi.

Scongiuriamo allora la guerra tra poveri, tuteliamo tutti i lavoratori e le lavoratrici di Geste, degli appalti e del Comune.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Giuliano Terme: "La guerra tra poveri nel paese delle terme"

PisaToday è in caricamento