menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Calci: in un anno di pandemia 86 sanzioni per non rispetto delle norme anti-contagio

L'amministrazione ed il sindaco Ghimenti fanno il punto sui controlli, invitando a "non abbassare la guardia"

Il sindaco di Calci Massimiliano Ghimenti, ad un anno ormai dall'inizio della pandemia, traccia un bilancio delle attività sul rispetto delle regole e sui controlli effettuati per arginare i contagi. In generale la stragrande maggioranza della cittadinanza ha risposto con responsabilità alle richieste di cautela. Oltre ai ringraziamenti per chi ha operato il primo cittadino sottolinea che "è opportuno fare il punto affinché tutti i cittadini sappiano che l'attenzione è, è stata e dovrà rimanere alta nel rispetto delle regole emanate per contenere la diffusione del Covid-19".

In questi dodici mesi, dati alla mano, il dato complessivo inerente il territorio comunale della Valgraziosa è di decine di ore a settimana di controlli dedicati al rispetto delle misure di prevenzione da parte della Polizia Municipale di Calci e dei Carabinieri della locale stazione. Nello specifico, da inizio pandemia ad oggi, sono state elevate 86 sanzioni complessive sul territorio, di cui 44 da parte dei Carabinieri e 42 dagli agenti della Polizia Municipale.

Si tratta di sanzioni elevate a causa di alcuni fenomeni di assembramenti, rispetto delle disposizioni vigenti da parte degli esercizi commerciali e di sanzioni inerenti l’effettuazione di spostamenti non consentiti. "Un dato significativo che va a confermare la costante e puntuale effettuazione di controlli e, quando necessario, di sanzioni. Opportuno sottolineare - scrive in una nota l'amministrazione - che sia la Polizia Municipale di Calci sia i Carabinieri della stazione locale hanno spesso impiegato il tempo in operazioni di pattugliamento, presidio e controlli che potessero fare da deterrente e sono state effettuate (e sono tuttora in corso) sul territorio forme di pattugliamento congiunto interforze".

"Sappiamo che la situazione da affrontare è critica e faticosa ma, purtroppo, la battaglia non è ancora vinta - ha aggiunto Ghimenti - l'auspicio è che la campagna vaccinale faccia il suo corso nel modo più rapido e capillare possibile ma, nel frattempo, non possiamo permetterci di abbassare la guardia sottovalutando le misure di prevenzione e la prudenza necessaria. Ringrazio i nostri cittadini virtuosi per l'impegno e il rispetto delle regole in questo ultimo anno,  gli uomini e le donne di Polizia che svolgono un lavoro non facile garantendo un presidio necessario per la sicurezza di tutti territori e la Prefettura di Pisa e le locali forze di polizia per l’attività svolta sul nostro territorio e per la sensibilità dimostrata di fronte alle nostre segnalazioni e richieste".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Covid, la Toscana passa in zona arancione

  • Eventi

    I film in uscita ad aprile su Amazon Prime Video

Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento