rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Cronaca

Marenia e Arena Calambrone: a Pisa il Teatro non va in vacanza

Dopo la chiusura del bando pubblico per le proposte di programmazione riguardanti l'iniziativa Marenia 2012, è in scadenza anche quello per la gestione del Teatro di Calambrone. C'è tempo fino al 22 maggio

Continuano i percorsi di 'collaborazione trasparente' per la gestione delle iniziative teatrali. Così dopo la procedura pubblica per la raccolta di proposte su Marenia/Nonsolomare 2012, è la volta del Teatro Arena di Calambrone, restituito al pubblico dopo un lungo periodo di restauro. Il teatro di Calambrone era stato costruito negli anni '30  ed è posto in un punto strategico, adatto al rilancio e alla crescita del litorale, un progetto che sta molto a cuore al comune pisano.

L'arena è tornata a nuova vita ma ha bisogno di progetti concreti che si prestino alle sue caratteristiche ambientali e architettoniche. Il Comune ha così affidato la diffusione del bando alla Fondazione Teatro di Pisa: lo scopo è quello di accogliere proposte e progetti di gestione da parte di privati o associazioni.

Le modalità di partecipazione sono simili a quelle utilizzate per la manifestazione Marenia, il cui bando è scaduto il 30 aprile e ha visto in tutto 14 proposte, di cui solo solo 9 sono state accolte e una è ancora in fase di valutazione da parte della commissione. L'atto pubblico del teatro Calambrone si chiuderà invece entro le 13 del 22 maggio. I progetti verranno valutati dalla Fondazione Teatro di Pisa che, una volta raccolti, li presenterà all'amministrazione comunale.

Istituzioni e associazioni stanno cercando di andare verso un unico obiettivo, garantendo una stagione estiva ricca di spettacoli e intrattenimenti che siano capaci di attirare l'attenzione di cittadini e turisti, presenze fondamentali per rilanciare l'immagine del litorale. Il teatro pisano sembra resistere, nonostante il periodo di forte crisi economica, riuscendo a chiudere il 2011 con un bilancio in attivo.

"Abbiamo sfruttato al meglio le risorse pubbliche, risparmiando e facendo un'accurata analisi delle spese - spiega Giuseppe Toscano, il direttore della Fondazione Teatro di Pisa -  il bilancio 2011 si è chiuso con 60 mila euro in attivo, grazie alle soluzioni e ai tagli su spese inutili e ad un equilibrio sui costi di gestione e dei preventivi. Nonostante la forte crisi, il Verdi rappresenta ancora un pilastro della cultura pisana. Siamo al 6° posto tra i teatri comunali d'Italia per i migliori risultati raggiunti".

"L'attivo del bilancio è anche il frutto di un grande risparmio - continua a spiegare Toscano - infatti due anni fa, la Fondazione aveva messo da parte i soldi arrivati dagli enti (circa 332 mila euro), prevedendo che la crisi economica sarebbe peggiorata ulteriormente". La lungimiranza e la gestione prudente sono state premiate e hanno permesso il superamento di due anni difficili, che hanno causato il fallimento di numerose attività culturali.

Ma l'economia non è l'unico aspetto che garantisce il funzionamento del teatro, infatti secondo il direttore Giuseppe Toscano, si è registratato anche un maggiore interesse da parte dei cittadini per quanto riguarda gli spettacoli e la lirica, i cui abbonati sono aumentati del 134%. "Stiamo continuando a investire sulle iniziative riguardanti il Teatro nella costa - ha affermato poi l'assessore Giuseppe Forte - già 70 mila euro sono stati assegnati all'iniziativa di Marenia".

"Contiamo che altre risorse possano essere reinvestite nelle attività culturali del litorale - ha continuato a dire l'assessore Forte - come gli introiti provenienti dalla tassa di soggiorno. L'accordo prevede infatti che il 20% del ricavato sulla tassa vada investito per le iniziative del litorale". Entro fine anno il 20% del guadagno sulla tassa dovrebbe aggirarsi intorno ai 700 mila euro.

Tra numeri e un pubblico crescente, sembra che il teatro pisano non voglia andare in vacanza ma per un paio di mesi si sposti solo di qualche chilometro.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marenia e Arena Calambrone: a Pisa il Teatro non va in vacanza

PisaToday è in caricamento