Sciopero all'aeroporto: valanga di voli cancellati

L'agitazione di 8 ore promossa da Usb e Cgil è stata indetta per protestare contro l'esternalizzazione di alcuni servizi

(foto d'archivio)

Disagi questa mattina, martedì 8 maggio, all'aeroporto 'Galilei' di Pisa per lo sciopero del personale di Toscana Aeroporti indetto da USB Lavoro Privato e FILT CGIL contro il piano di esternalizzazioni dei servizi di handling e security previsto dalla società che gestisce i due scali toscani. L'agitazione, di 8 ore, è in programma dalle 10 alle 18 e già dalla mattina sta provocando numerose cancellazioni sui voli in arrivo e in partenza all'aeroporto pisano.

"Contro le esternalizzazioni presenti e future che trascinano salari, diritti e salute e sicurezza nei luoghi di lavoro sempre più in basso in un inarrestabile circolo vizioso, diciamo no - si legge in un volantino della Rsa Usb di Toscana Aeroporti Pisa e Firenze - Toscana Aeroporti è un’azienda sana che gestisce monopoli naturali, come lo sono gli aeroporti. Non speculi sulla pelle delle lavoratrici e dei lavoratori con operazioni volte ad abbattere il costo del lavoro. Chiediamo ancora una volta alla Regione Toscana, presente nel CdA, di non avallare questo progetto".

Appoggio alle proteste dei lavoratori da parte di Ucic-Prc-Possibile: "Come abbiamo ribadito più e più volte nessuna giustificazione può essere addotta nel piano scellerato di esternalizzazioni di Toscana Aeroporti, se non quella di un ulteriore incremento degli utili per i soci a scapito dei salari e delle tutele - affermano dalla sinistra - ancora una volta sosteniamo convintamente la lotta delle lavoratrici e dei lavoratori, ma vogliamo anche denunciare il comportamento inaccettabile dell’amministrazione comunale di Pisa come socio di Toscana Aeroporti. Amministrazione che invece di sostenere le centinaia di lavoratrici e lavoratori che saranno colpiti dalle esternalizzazioni ha preferito aprire e sostenere il contenzioso con Toscana Aeroporti vietando lo stazionamento degli autobus presso l’aerostazione per tentare farsescamente di favorire la scellerata e inutile opera del Pisa Mover". "Questo dimostra, come sempre, che si tratta di scelte e di volontà politica - proseguono - visto che la maggioranza di centrosinistra che amministra questa città e la Regione Toscana non hanno mosso un dito in tutti questi mesi a difesa dei lavoratori e della lavoratrici in questa durissima vertenza, condividendo nei fatti l’impostazione tutta ideologica di massimizzazione dei profitti a scapito dei diritti dei dipendenti portata avanti da Corporacion America".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cisanello, tragico tamponamento tra auto: neonato perde la vita

  • Lungarno Pacinotti: cede la paratia e precipita dalle spallette

  • Muore in bici travolto da un'auto

  • Travolto in bici da un'auto: la vittima aveva 22 anni

  • A Marina di Pisa sbarca il 'tempio' degli hamburger di qualità

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 15 e 16 febbraio

Torna su
PisaToday è in caricamento