Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca

Autostrade: sciopero unitario dei lavoratori il 13 e 14 ottobre

Possibili disagi con le ore di astensione dal lavoro divise in base alle aziende gestrici

Per il 13 e 14 ottobre Filt Cgil Toscana, insieme a Fit Cisl, Uiltrasporti, Sla Cisal e Ugl, hanno indetto uno sciopero unitario dei lavoratori autostradali, un'agitazione che potrà interessare gli oltre 1.500 addetti toscani. La rivendicazione riguarda il "diritto al contratto fermo da quasi un anno" spiegano i sindacati. 

La Cgil parla di un sistema frammentato, con i dipendenti che sono "articolati in quattro aziende, che fanno riferimento a due holding, Gruppo Benetton e Gruppo Gavio: 'Autostrade per l'Italia' (cioè Aspi) Direzione IV Tronco Toscana (Gruppo Benetton); 'Salt' Società Autostradale Ligure Toscana (Gruppo Gavio); 'SAT' Società Autostradale Tirrenica (Gruppo Benetton), Autostrada del Passo della Cisa (Gruppo Gavio)". Fra le varie articolazioni della gestione dell'infrastruttura viaria "siamo in presenza di una frammentazione della gestione dei seicento e passa chilometri di Autostrade in Toscana, una frammentazione anche di organizzazioni del lavoro e di modalità di manutenzione. Tale 'articolazione' ha riflessi anche in campo nazionale e sul tavolo di trattativa nazionale, poiché il Gruppo Gavio, in queste settimane, pare essere il principale oppositore alla applicazione della clausola sociale, a tutela della occupazione, tra le norme del nuovo contratto collettivo".

"Per tali motivi - prosegue il sindacato - avremo domenica e lunedì una diversificazione degli orari di sciopero. Che saranno di otto ore per ogni turno per i lavoratori del Gruppo Gavio e di quattro ore a prestazione per i lavoratori del Gruppo Benetton. Le segreterie nazionali, pur nel quadro di una giornata unitaria di mobilitazione, hanno così voluto puntare il dito sulle responsabilità di una parte del 'tavolo' datoriale, senza però tralasciare le altrettante responsabilità dell'altra parte di imprese, che non hanno inteso promuovere nessun reale passo in avanti in grado di coinvolgere tutti".

Si è così arrivati allo sciopero per "spingere tutte le controparti datoriali a chiudere un rinnovo contrattuale, capace di coniugare avanzamenti salariali e diritti, vista anche gli ottimi stati di salute finanziaria di tutte le concessionarie autostradali".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autostrade: sciopero unitario dei lavoratori il 13 e 14 ottobre

PisaToday è in caricamento