Cronaca

Mercato del lavoro: la Cgil sciopera contro il voto di fiducia

In attesa del voto di fiducia alla Camera per l'approvazione definitiva del disegno legge sul mercato del lavoro, la Cgil continua la sua lotta contro la riforma organizzando uno sciopero di 2 ore

Continuano le agitazioni sulla scottante questione "mercato del lavoro". La Cgil rende noto che nonostante il sindacato  abbia definito questa legge sbagliata e controproducente, il Governo imporrà il voto di fiducia anche alla Camera dei deputati.

"Questa legge non combatte la precarietà - fanno sapere dal sindacato - specialmente per i giovani, perché mantiene tutte le tipologie precarie preesistenti. Inoltre non tutela in caso di perdita del lavoro, anzi riduce drammaticamente la durata dei sussidi (in alcuni casi da 48 mesi a 18 mesi  di sostegno) e non li estende a chi ne è rimasto  escluso. Con questa legge la crisi prosegue e minaccia di provocare ulteriori drammi, specie per i giovani, le donne, i lavoratori anziani e del Mezzogiorno".

Per tutta questa serie di motivazione la Cgil, nell'ambito della mobilitazione regionale, proclama 2 ore di sciopero alla fine di ogni turno di lavoro, per martedì 26 giugno. Durante lo sciopero verranno promosse delle assemblee per favorire la massima partecipazione di delegati e lavoratori. Saranno esclusi i settori della pubblica amministrazione e delle aziende sottoposte agli obblighi della legge 146. Il 27 giugno, la Cgil di Pisa parteciperà anche al presidio a Montecitorio per chiedere di cambiare il DDL sul Mercato del Lavoro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mercato del lavoro: la Cgil sciopera contro il voto di fiducia

PisaToday è in caricamento