rotate-mobile
Cronaca

Carichi di lavoro insostenibili e buoni pasto troppo bassi: sciopero del Corpo Vigili Giurati

La proclamazione dell'agitazione da parte di Cgil e Cisl di Pisa per chiedere un miglioramento delle condizioni di lavoro per le guardie giurate

Sciopero per l'intera giornata del prossimo 1° gennaio 2022 proclamato dalle organizzazioni sindacali Filcams Cgil e Fisascat Cisl di Pisa per il personale del Corpo Vigili Giurati, l’istituto di vigilanza privata più grande del territorio pisano, con oltre 120 dipendenti inquadrati nella sede di Ospedaletto e sugli altri distaccamenti della nostra provincia.
A novembre scorso le sigle provinciali avevano avviano uno stato di agitazione ed effettuato con l’azienda un paio di incontri per discutere delle problematiche legate all’organizzazione del lavoro, alcune annose e altre più recenti, nonché per riprendere il confronto per l’erogazione di buoni pasto di maggior importo.

"Oltre alla richiesta di buoni pasto più alti, come riconoscimento per l’impegno profuso dalle guardie soprattutto negli ultimi due anni di pandemia e in attesa di un rinnovo del Contratto Nazionale di settore ormai scaduto da sei anni, che ha lasciato i loro stipendi sotto al limite della decenza, nei due recenti incontri abbiamo chiesto all’azienda di intervenire sulle ennesime pesanti criticità organizzative presenti nel territorio pisano, con Guardie Particolari Giurate costrette a sobbarcarsi doppi turni e più zone di servizio a causa della cronica assenza di personale - raccontano i sindacati - la sostanziale disgregazione dell’organizzazione del lavoro sta producendo da un lato un aumento esponenziale dei rischi per la sicurezza del personale tecnico-operativo, a causa anche dell’impossibilità degli operatori della Centrale Operativa di garantire un efficace coordinamento e controllo delle GPG in servizio, e dall’altro un palese decadimento della qualità dei servizi resi alla maggior parte dei clienti pubblici e privati".

"Nonostante le preoccupazioni esposte soprattutto dai rappresentanti sindacali aziendali, la Società si è barricata dietro la giustificazione di non riuscire a trovare personale per assenza di candidati, facendo finta di non sapere che i nuovi assunti rassegnano le dimissioni dopo pochi giorni proprio a causa dei carichi di lavoro insostenibili - continuano i sindacalisti - mentre per le altre problematiche evidenziate ha dato disponibilità ad intervenire, ma solo tra alcuni mesi, anche qui dimenticandosi che molte di queste criticità esistono da anni e richiedono un intervento non più differibile".

Dati gli inevitabili contraccolpi sulla qualità dei servizi resi dal Corpo Vigili Giurati, la Filcams Cgil e la Fisascat Cisl di Pisa hanno chiesto un incontro urgente alla Prefettura, autorità proposta al controllo sulle attività degli Istituti di Vigilanza. "La grave situazione in atto ci costringe a chiedere l’intervento delle istituzioni e ad avviare una mobilitazione del personale del Corpo Vigili Giurati di Pisa e provincia, con un primo sciopero proclamato per l’intera giornata del prossimo 1° gennaio 2022, con l’auspicio che l’anno nuovo possa finalmente portare a questi lavoratori un miglioramento delle loro condizioni di lavoro. In caso contrario, porteremo avanti la vertenza in tutte le sedi necessarie" concludono i sindacati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carichi di lavoro insostenibili e buoni pasto troppo bassi: sciopero del Corpo Vigili Giurati

PisaToday è in caricamento