Cronaca

Sciopero della fame per i diritti dei disabili: settimo giorno di protesta di Mannini (M5S)

Il consigliere comunale ha perso 6 chili. Prosegue la mobilitazione per la questione legata all'ISEE che farebbe pagare in modo non dovuto dei servizi a soggetti deboli

Settimo giorno di sciopero della fame ad oltranza del consigliere comunale Gianfranco Mannini (M5S) contro "le ripetute violazione ai danni di disabili e anziani", come lui stesso ha spiegato all'inizio della protesta l'11 gennaio, a seguito dell'esposto-denuncia inoltrata alle autorità contro la Società della Salute.

Oltre alla solidarietà dei consiglieri regionali pentastellati Giannarelli, Quartini, Galletti e Bianchi, che nei prossimi giorni incontreranno l'assessore regionale alla sanità Saccardi sul tema, Mannini riceve il sostegno dell'associazione livornese 'Durante di noi, che appoggia le rivendicazioni del consigliere partecipando allo sciopero della fame a staffetta. Gli attivisti digiuneranno quindi in quest'ordine: 18,19 gennaio, Barone Ramona Valentina; 20,21,22 gennaio, Galia Paperini; 23 e 24 gennaio, Mariagrazia Lombardo; 24 gennaio,Rita Paperini; 24 e 25 gennaio, Daniela Grammatico; 26 gennaio, Maria Barone.

Il monitoraggio medico di Mannini riporta stamani, 18 gennaio, i valori di salute: il peso è passato da 87 chilogrammi a 81, la pressione da 130/70 a 115/60, la frequenza cardiaca da 60 a 70. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero della fame per i diritti dei disabili: settimo giorno di protesta di Mannini (M5S)

PisaToday è in caricamento