Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Sanità, sciopero medici dei punti nascita: garantiti parti e emergenze

La Federazione Sindacale Medici Dirigenti ha fissato la giornata di agitazione per il prossimo 12 febbraio. Dovranno comunque essere garantiti i servizi sanitari essenziali e la cura dei malati più gravi

Incroceranno le braccia i medici dipendenti del Servizio Sanitario Nazionale che operano nei punti nascita, nei consultori familiari e negli ambulatori ostetrici del territorio. Lo sciopero è stato indetto per il prossimo 12 febbraio dalla Fesmed (Federazione Sindacale Medici Dirigenti).
Come sempre avviene in queste circostanze dovranno essere garantiti i servizi sanitari essenziali e, per quanto concerne le attività connesse all’assistenza diretta ai degenti, dovrà essere data priorità alle emergenze e alla cura dei malati più gravi non dimissibili.

Tutti i parti che si verificheranno in quella giornata, naturali o cesarei, saranno garantiti, oltre naturalmente alle urgenze. Potranno slittare solamente le attività programmabili, ossia differibili dal punto di vista della sicurezza assistenziale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, sciopero medici dei punti nascita: garantiti parti e emergenze

PisaToday è in caricamento