Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Autostrade: sciopero del personale per il 5 giugno

Proclamata dai sindacati di categoria l'agitazione per 8 ore durante la giornata di sabato, che si protrarrà anche durante la notte

Settore dei trasporti ancora in agitazione, con i sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, UilTrasporti, Sla Cisal e UglTrasporti della Toscana che hanno indetto uno sciopero di 8 ore per domenica 5 giugno e di 4 ore nella notte di lunedì 6 giugno. Di seguito lo schema con gli orari e le modalità per il personale delle autostrade.

Domenica 5 giugno
Personale turnista di esazione*
2° turno dalle ore 10 alle ore 14
3° turno dalle ore 18 alle ore 22

Lunedì 6 giugno 2016
Personale turnista di esazione*

1° turno dalle ore 22 alle ore 02
* prestazioni orarie turni sfalsati/spezzati nelle ore coincidenti

Personale non turnista
- Full-time: le prime 4 ore della prestazione
- Part-time orizzontali: metà della prestazione in entrata
- Punti Blu: dalle ore 08.30 alle ore 12.30

Confermato il blocco dello straordinario e delle trasferte, ad esclusione dei lavoratori dei settori esclusi dallo sciopero, cioè i lavoratori turnisti dei settori disciplinati dalla Legge 146/90 e successive modificazioni, e individuati dalla Regolamentazione Provvisoria di settore della Commissione di Garanzia per il diritto di sciopero, gli operatori sala radio e gli addetti alla viabilità. Per quanto attiene il personale degli Impianti la loro esclusione dallo sciopero è riferita alle sole attività lavorative, finalizzate ad assicurare l'effettuazione degli interventi e delle attività riferite agli operatori di sala radio e della viabilità.

"Nonostante la disponibilità dei sindacati - scrivono Filt Cgil, Fit Cisl, UilTrasporti, Sla Cisal e UglTrasporti - a cercare soluzioni condivise per accelerare il percorso negoziale e dare il giusto aumento retributivo ai lavoratori e lavoratrici del settore, uno dei più 'profittevoli' nel panorama industriale italiano, le associazioni di impresa hanno ribadito la richiesta di scontare dai futuri aumenti contrattuali le quote di salario che ritengono di aver erogato in eccesso in occasione dell'ultimo rinnovo, aggiungendo a ciò richieste di modifiche normative finalizzate a conseguire aumenti di produttività e di flessibilità della prestazione lavorativa totalmente ingiustificati, considerando gli straordinari risultati conseguiti da tutte le aziende del settore in termini di performance economica-finanziaria. Si parla di un settore che è una 'gallina dalle uova d'oro' grazie ad aumenti dei pedaggi ben oltre il tasso d'inflazione e che scattano inderogabilmente ogni 1° gennaio".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autostrade: sciopero del personale per il 5 giugno

PisaToday è in caricamento