Cronaca Viale Piaggio

Piaggio, sciopero della Fiom: estromessi dalla ripartizione della Rsu

Giovedì all'insegna dell'agitazione: gli operai hanno incrociato le braccia dalle 9,30 alle 10,30, effettuando anche un'assemblea interna allo stabilimento della Vespa. Altra ora di sciopero contro il piano del periodo estivo

Sciopero di due ore ieri alla Piaggio di Pontedera indetto dalla Fiom-Cgil per protestare contro Fim-Cisl e Uilm-Uil in vista delle elezioni della Rsu in programma la prossima settimana. La Fiom è stata infatti estromessa dalla ripartizione, all'interno della Rsu, di 10 posti su 30 che normalmente viene assegnata dalle segreterie provinciali dei sindacati di categoria in modo proporzionale ai voti ottenuti dagli operai per i restanti 20 posti. "Abbiamo anche raccolto oltre mille firme tra i lavoratori - dicono i membri della Rsu in quota Fiom - per chiedere l'ammissione alla ripartizione, ma la commissione elettorale ha fatto valere il principio che chi non ha firmato il contratto nazionale, come Fiom, non può essere ammessa alla ripartizione. Dimenticando che già in altre votazioni eravamo stati ammessi, nonostante non avessimo firmato il contratto sindacale. E non tenendo di conto la sottoscrizione dell'accordo interconfederale dello scorso 31 maggio da parte di Cgil, Cisl, Uil e Confindustria, in cui si afferma che la ripartizione deve avvenire tra le sigle sindacali in maniera proporzionale".


Gli operai hanno incrociato le braccia ieri dalle 9,30 alle 10,30, effettuando anche un'assemblea interna allo stabilimento della Vespa. E poi hanno osservato un'altra ora di sciopero a ogni fine turno, anche per protestare contro il piano operativo per il periodo estivo comunicato da Piaggio ai sindacati. (fonte Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piaggio, sciopero della Fiom: estromessi dalla ripartizione della Rsu

PisaToday è in caricamento