Sciopero alla Piaggio di Pontedera, l'Usb: "Sia salvaguardata la produzione"

Il corteo dei lavoratori è partito dalle 8.30 di mattina dallo stabilimento, con le linee di produzione ferme. Poi l'incontro con l'assessore Lucia Curcio e la partecipazione al Consiglio Comunale

In strada per avere risposte sul futuro della Piaggio a Pontedera. E' alta l'adesione lavoratori allo sciopero proclamato per oggi, 29 luglio, dalla Rsu Usb dello stabilimento toscano. Le linee di produzione sono ferme dalle 8.30, quando ha preso vita il corteo interno che ha attraversato i reparti per poi uscire all'esterno  e proseguire verso il Municipio, dove l'assessore alle Attività produttive ha incontrato la rappresentanza sindacale.

Lo sciopero proseguirà per l'intera giornata e riguarderà anche i lavoratori dei prossimi turni. Alle 15.30 gli scioperanti e la Rsu parteciperanno al Consiglio comunale. "Le lavoratrici e i lavoratori chiedono risposte certe, impegni concreti per la salvaguardia e il rilancio delle produzioni a Pontedera - dichiara dal corteo Sergio Bellavita dell'Usb Lavoro Privato - le preoccupazioni su un'ulteriore delocalizzazione delle produzioni verso il sud-est asiatico crescono, considerato inoltre che a Pontedera ci si misura con la richiesta dell'azienda di prorogare il ricorso ad ammortizzatori sociali per parte rilevante dei lavoratori".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il fermo delle linee è un fatto di straordinario valore - sottolinea Bellavita - e l'Usb continuerà a sostenere con forza, coerenza e determinazione l'apertura di una vertenza generale del territorio sulla fabbrica. Una vertenza unificante tra interni e esterni, diretti e indiretti, stabili e precari. Non permetteremo lo svuotamento progressivo della fabbrica, non assisteremo passivi al lento deperire della Piaggio di Pontedera mentre il gruppo capitanato da Colaninno continua a macinare profitti. Pretendiamo risposte!".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spiagge di ghiaia a Marina, alga tossica 6 volte oltre i limiti: "Fate attenzione"

  • Scuola, nuovo incontro per la ripartenza: si va verso il prolungamento della didattica a distanza

  • Bimbo di 5 anni salvato dalle sofferenze di un tumore, i genitori: "Grazie"

  • Coronavirus in Toscana, 5 nuovi casi: un decesso a Pisa

  • Consegna a domicilio di cocaina: in manette due fratelli pusher

  • Coronavirus, sette nuovi casi: nessun positivo in più a Pisa

Torna su
PisaToday è in caricamento