Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Sciopero dell'8 marzo: treni a rischio

L'agitazione riguarderà anche il comparto ferroviario. I dettagli

Treni a rischio tra domenica 7 e lunedì 8 marzo 2021. Alcune sigle sindacali hanno proclamato lo sciopero nazionale di 24 ore che coinvolgerà i dipendenti del gruppo Ferrovie dello Stato. 

Sciopero 8 marzo 2021: gli orari

La protesta, come confermato da una nota della società, avrà inizio alle ore 21 di domenica 7 marzo 2021, per poi concludersi alle 21 di lunedì 8 marzo 2021.Per la giornata di lunedì 8 marzo è in programma uno sciopero generale di tutti i settori pubblici e privati proclamato da Usi-Unione sindacale italiana, Slai Cobas, Usb e Sgb. E' previsto poi uno sciopero nel trasporto ferroviario di Mercitalia Shunting and terminal proclamato da Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl Taf, Slm Fast Confsal e Orsa Trasporti.  

Sciopero treni 8 marzo 2021: i motivi della protesta

La data dell'8 marzo, la Festa della Donna, è stata scelta senza dubbio anche per rilanciare tematiche importanti come l'uguaglianza di genere, il contrasto alla violenza sulle donne e le discriminazioni. Un giorno emblematico anche per la lotta di classe contro lo sfruttamento e le disuguaglianze sociali ed economiche.

''Questa evidenza - scrivono i sindacalisti di Cub Trasporti - assume un valore esemplare nel comparto ferroviario, dove oggi molte lavorazioni fondamentali, come la sanificazione e la manutenzione sono svolte da dipendenti di ditte in appalto, spesso cooperative, con stipendi da fame e con scarse tutele e diritti, senza neanche la garanzia delle clausole sociali in caso di cambio di appalto; una realtà che vede soprattutto tantissime donne sfruttate che anche nella pandemia hanno subito le situazioni peggiori; una vergogna che deve essere cancellata con l’assunzione diretta e con condizioni lavorative e salariali dignitose e univoche per tutto il comparto''.

''Anche per i ferrovieri - prosegue la nota - una data così simbolica per l'uguaglianza e la equità sociale assume un'importanza particolare dopo quattro Ccnl che hanno aumentato l’orario settimanale e giornaliero, ridotto le squadre minime, appesantito l’apparato sanzionatorio e repressivo; ed un contratto attuale ormai scaduto da tre anni, oggi in fase di rinnovo. Aggiungiamo il ladrocinio della legge Fornero che ha depredato le categorie del bordo e macchina di 7 anni di pensione, senza che nessuno, nonostante le promesse, vi abbia posto rimedio. Tutte queste situazioni colpiscono con empietà soprattutto le lavoratrici ferroviere''.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero dell'8 marzo: treni a rischio

PisaToday è in caricamento