Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Scontri tra bikers: tra gli indagati anche affiliati al 'Chapter' di Pisa

Le indagini, condotte dalla Polizia di Lucca hanno portato a trentadue indagati residenti in varie zone della Toscana: avevano assaltato il gruppo rivale degli 'Smoking Wheels' in un pub di Serravezza

Ci sono anche una decina di persone della provincia di Pisa tra gli indagati per gli scontri tra bikers in Toscana, che hanno portato trentadue motociclisti nella rete della Polizia di Lucca, tutti di età compresa tra i 30 e i 60 anni, che hanno scelto fantasiosi nomignoli e si sono riuniti nel gruppo dei 'Golden Drakes'. Sono tutti indagati per concorso nei reati di rapina e lezioni aggravate. I nostrani 'Draghi d'oro', gemelli di quelli nati negli anni '70 in Germania, erano guidati da un cinquantenne di Montemurlo, centro al confine tra Prato e Pistoia. Da lui, secondo gli investigatori, partivano le direttive raccolte dai vari Chapter (questo il nome delle loro basi) con sedi a Firenze, Pisa, Livorno, Lucca, oltre che a Prato e Pistoia. Alle indagini ha partecipato anche la Squadra Mobile di Pisa.

Tutto è cominciato un anno e mezzo fa: era il 13 luglio 2011. Quella sera i 'Golden Drakes' della Toscana si erano ritrovati alla Club House di Massarosa, prima alcuni di loro avevano fatto un sopralluogo alla 'Casa sul fiume' di Seravezza, il pub dove si riunivano i motociclisti del motoclub denominato 'Smoking Wheels' e, dopo essersi accertati della loro presenza, avevano informato il resto del gruppo. A Seravezza i 'Draghi d'oro' erano quindi arrivati in auto, pronti a mettere in atto un'aggressione. Il commando, armato di mazze da baseball e bastoni, con violenza, aggredì cinque bikers degli 'Smoking Wheels'. La spedizione finì con diverse vittime lasciate sanguinanti a terra, spogliate dai loro gilet in pelle nera con il simbolo del club.

Sul posto arrivò una volante del commissariato di Forte dei Marmi che dette così il via alle indagini. Nel corso delle perquisizioni compiute nelle abitazioni degli indagati, per i quali il pm Elena Leone ha già chiesto il rinvio a giudizio, sono state rinvenute armi bianche, tra cui spade, pugnali, coltelli, asce, noccoliere, sfollagente, bastoni, mazze da baseball. Quella contro i 'Golden Drakes' non è l'unica operazione messa a segno con successo dalla Polizia per contrastare il fenomeno dei bikers violenti, versione italiana di quello ben più noto negli Usa. Alla vigilia di Natale, la Squadra mobile lucchese ha arrestato un affiliato al club dei Mongols e ne ha denunciato il presidente uscente, dopo aver sequestrato un arsenale fatto fucili, pistole, esplosivo, proiettili, oltre a coltelli, bastoni e tirapugni.

Ecco chi sono gli indagati del Chapter di Pisa:

D.D di anni 45 di San Miniato;

C.A di anni 32 di Fucecchio (FI);

M.M. di anni 40 di Pisa;

C.S. di anni 35 di Pisa;

G.G. di anni 41 di Montopoli Val d’Arno;

D.B. di anni 41 di Fucecchio (FI);

P.G. di anni 32 di Santa Croce sull’Arno;

M.M. di anni 31 di Empoli (FI);

G. P. di anni 36 di Bientina;

D.S. di anni 44 di Santa Maria a Monte;

L.M. di anni 39 di San Giuliano Terme.

Scontri tra bikers a Serravezza

Non ci sono foto disponibili.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scontri tra bikers: tra gli indagati anche affiliati al 'Chapter' di Pisa

PisaToday è in caricamento