Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca Centro Storico / Piazza Cairoli

Scontri in città, Confesercenti: "Ostaggio di piccoli gruppi, danno economico per i negozi"

Il presidente dell'associazione di categoria interviene dopo le violenze che si sono verificate sabato in occasione della manifestazione degli antagonisti in risposta a quella organizzata dalla Lega Nord

“Nessuno vuole mettere in discussione il diritto a manifestare. Ma la città non può essere messa in scacco da una decina di persone che fanno tutto meno che manifestare”. E’ il direttore della Confesercenti Toscana Nord Marco Sbrana ad intervenire sugli scontri di sabato sui lungarni. “Ancora una volta il centro della città si è trasformato in un campo di battaglia - insiste Sbrana - era già successo due giorni prima nell’atrio del Comune. Ormai queste manifestazioni regolarmente escono dai binari della semplice protesta. A maggior ragione in questi momenti in cui gli eccessi e la violenza devono essere messi da parte, bloccando assolutamente questa deriva. Una città, un centro storico come il nostro, non possono essere ostaggio di piccoli gruppi che costringano le forze dell’ordine a blindare strade e piazze".

"Ovviamente - conclude il direttore di Confesercenti Toscana Nord - di fronte agli scontri ed ai feriti (ai quali va tutta la nostra solidarietà), il problema del commercio passa in secondo piano. Ma non dimentichiamo comunque il danno economico ai negozi quando si chiudono tutti gli accessi in un giorno come il sabato”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scontri in città, Confesercenti: "Ostaggio di piccoli gruppi, danno economico per i negozi"

PisaToday è in caricamento